Altra tappa nel percorso che dovrebbe portare Inter e Milan ad avere un nuovo stadio. Due progetti ulteriori, sempre di Manica-Sportium Populous, sono stati presentati ieri dai due club nel summit con il Comune. "Il Meazza avrà una nuova vita, sarà in parte abbattuto e soprattutto trasformato, diventando una sorta di cittadella dello sport aperta a tutti, con tanto verde e negozi - racconta la Gazzetta dello Sport -. Inter e Milan rilanciano e tengono vivo il progetto da 1,2 miliardi per il nuovo San Siro. E dopo un mese di silenzio e di ulteriore lavoro mettono in pratica le indicazioni arrivate dal Comune, che vincolano il pubblico interesse del masterplan del nuovo stadio al taglio delle volumetrie commerciali previste originariamente e alla rifunzionalizzazione dell’impianto di oggi. Ieri in Comune il presidente del Milan Paolo Scaroni e l’a.d. corporate dell’Inter Alessandro Antonello hanno presentanto i progetti degli studi Populous e Manica-Sportium, rivisitati secondo quanto emerso dai tavoli con Palazzo Marino di fine 2019. Siamo ancora all’inizio, ma intanto è stato fatto un bel passo in avanti".

Del Meazza resterà quindi una traccia, di più sembra non si possa fare. C'è differenza nei due progetti.

Gli anelli - Il nuovo progetto di Manica-Sportium conserva tutto il lato est dello stadio, sia il primo sia il secondo anello, e prevede la demolizione di tre torri su quattro. L’immagine di San Siro viene tenuta in vita grazie innanzitutto alle rampe del secondo anello, costruite nella metà degli Anni 50 e ritenute di valore architettonico dai Beni Culturali: restano ben visibili dall’esterno e l’idea è di trasferirci il museo dei club. Lo stadio diventa un polmone verde che attraverso la Curva Sud, grazie a una decina di gradoni, «entra» dolcemente nel giardino pensile di circa 20 ettari e nella piazza che condurrà i tifosi allo stadio. In ciò che rimane del Meazza, che diventa parco pubblico, si potrà giocare a calcio e basket, correre e fare arrampicata; anche sulla torre salvata si potrà fare sport e in cima ci sarà il ristorante; sotto il giardino, invece, si sviluppa la zona dei negozi.

La Cattedrale - Anche Populous ha lavorato sulle indicazioni arrivate a Inter e Milan, salvando una traccia dello stadio di oggi che al momento appare forse più limitata (non ci sono più le torri). Nel rendering, rielaborato dalla parte inglese dello studio di architettura, l’idea di fondo è creare una ampia zona verde accanto alla Cattedrale, conservando una parte delle rampe del Meazza, proteggendo porzioni di curve su entrambi i lati e riutilizzando le scalinate. Le volumetrie extra-stadio sono ridotte: qui c’è solo un grattacielo, Manica-Sportium ne ha di più, ma il tema dei “volumi” per ora non è stato affrontato a fondo. In soldoni, ora è importante immaginare in che modo il Meazza può essere salvato. Solo dopo si parlerà di cemento.

VIDEO - COME CALCIA TAHITH CHONG: UN CAMPIONARIO DI COLPI DA CAMPIONE

Sezione: Copertina / Data: Mer 22 Gennaio 2020 alle 08:47 / Fonte: Gazzetta dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print