copertina

Cottarelli: “Vogliamo portare avanti un grande progetto”. Ecco chi ha già aderito a Interspac

Cottarelli: “Vogliamo portare avanti un grande progetto”. Ecco chi ha già aderito a Interspac

"Vogliamo portare avanti un grande progetto di azionariato popolare. Per rafforzare l’Inter con capitali forniti da noi tifosi, integrati da risorse di investitori istituzionali, in un quadro economicamente sostenibile. Già...

Stefano Bertocchi

"Vogliamo portare avanti un grande progetto di azionariato popolare. Per rafforzare l’Inter con capitali forniti da noi tifosi, integrati da risorse di investitori istituzionali, in un quadro economicamente sostenibile. Già avviene in altre società gloriose, come il Bayern di Monaco". Carlo Cottarelli continua a spiegare il progetto di Interspac anche ai microfoni del Corriere della Sera.

Il sondaggio che parte oggi e si chiude il 15 luglio a cosa serve esattamente?"È fondamentale partecipare. I tifosi rispondono a una domanda semplice: se ci fosse la possibilità di investire quanto metteresti? Se i riscontri saranno numerosi avremo potenziali investitori e, a quel punto, potremo presentarci con qualcosa di concreto all’Inter".

Avete parlato con l’Inter?"La società è informata e non ha dato segnali negativi, se avesse voluto troncare lo avrebbe già fatto. Siamo nella fase di studio non di raccolta. Spero ci possa essere interesse anche per altri club".

Il presidente Steven Zhang lo ha incontrato?"No, mai. Non è opportuno vedere la proprietà prima. Due anni e mezzo fa abbiamo parlato con gli amministratori, stavolta ancora no. L’idea è di cominciare a parlare con in mano qualcosa, non prima".

L’Inter ha un valore vicino al miliardo, serve raccogliere un bel po’ per poter comprare una quota di minoranza e pensare di contare qualcosa."Si deve decidere in che modo entrare e se la società è d’accordo. Si ragiona sulla base di quanto si pensa di poter raccogliere. Non si parla di qualche decina di milioni, ma di cifre rilevanti. Non si fa un’operazione simile per entrare con 30 milioni e basta".

Proponete fasce di contribuzione diverse per i tifosi?"Non c’è un limite massimo, ma ce n’è uno minimo. Ci sono fasce dai 500 euro ai 1.000, dai 1.000 ai 5.000 e così via. Insomma non un obolo da 50 euro. Poi uno può mettere quanto vuole".

Per poter entrare in società l’Inter deve vendere una quota: perché dovrebbe farlo?"Due motivi. Si porta capitale fresco a costo zero, evitando di pagare milioni di interessi. Si crea un legame stretto tra tifosi e squadra, così si aumentano le entrate di merchandising e biglietteria. Poi la società deve essere amministrata bene. In Germania il modello funziona. Puoi anche vincere senza spese pazze. L’idea dell’azionariato popolare è portare stabilità".

Tutti gli anni i tifosi dovrebbero mettere una quota?"No, è una tantum. All’estero esistono anche modelli in cui viene pagata una quota annuale, ma è poca roba. La società non si mantiene in vita con i contributi dei tifosi".

Ecco chi ha già aderito:Beppe BergomiEnrico BertolinoAndrea BocelliStefano BoeriPaolo BonolisAlessandro CattelanClaudio CecchettoFabio De LuigiFabio VoloValerio De MolliGianfelice FacchettiFabio FogniniMassimo GalliPeter GomezGiancarlo LeoneTommaso LabateGad LernerLuciano LigabueMaurizio MannoniEnrico MentanaPietro ModianoMichele MozzatiMario NavaRoberto NicastroEnrico PazzaliMax PezzaliMariangela PiraAntonio PolitoGiacomo PorettiGianni RiottaEnrico RuggeriGabriele SalvatoresSergio ScalpelliPietro SenaldiMichele SerraBeppe SevergniniGiovanni StortiMarco TarquinioFlavio ValeriRoberto VecchioniAntonio VersaceGino Vignali