"Il ritorno di una corsa a due per il campionato era in realtà intuibile negli ingaggi di Beppe Marotta e Antonio Conte, guarda caso antichi pezzi bianconeri, ma si certifica adesso sul mercato e in particolare in questa sessione di gennaio". Lo scrive Matteo Marani sulle pagine di Tuttosport.

"A Milano, quando ancora mancano due settimane alla fine del mercato, hanno ormai in mano Eriksen – acquisto di primo livello, certamente fra i migliori fatti in questi anni – e l’esperto Young, in attesa di inserire Giroud e un secondo laterale, che sarebbe dovuto essere Spinazzola prima dell'inusuale retromarcia. Dicevamo: l’Inter sta rinforzandosi tanto, con la speranza di insidiare il decennale dominio della Juventus. Arrivati a questa prima giornata di ritorno, Lukaku e compagni sono staccati di 2 punti, un risultato onestamente imprevedibile. Perché non provarci - si domanda Marani -? Era dai tempi di Mancini e Mourinho che dentro San Siro non si respirava un simile entusiasmo. Lo confermano anche le presenze allo stadio, uno stadio che dovrà presto essere anch’esso moderno per competere con Torino. Ma intanto l’Inter si è ormai strutturata da grande squadra. Una proprietà ricca, non inferiore alla Juve per capacità di spesa, una nuova e ambiziosa sede nella zona di Porta Nuova, una classe dirigente guidata da un manager vincente come Marotta e uno staff societario che in questi anni è migliorato, togliendosi lo spirito familiare che era appartenuto ad altre epoche. I capitali per i grandi giocatori non mancano: il contratto di Lukaku, 75 milioni di euro, è il più alto mai pagato nella storia dell’Inter. Ma non è l’ultimo che è stato fatto e che sarà fatto. Proprio questa politica espansiva ha portato l’Inter nell’area della storica rivale, che da anni sembrava partecipare a un campionato a sé, sia in campo che sul mercato. Se le concorrenti si chiamavano Roma e Napoli, la Juventus era in grado di portar via loro Pjanic e Higuain senza problemi. Con l’Inter i rapporti di forza sono diversi, perché nel frattempo il fatturato nerazzurro – assieme ai risultati – è risalito. Aspettiamoci perciò altri colpi nel duello sul mercato delle due".

VIDEO - L'INTER È A LECCE, CHE ACCOGLIENZA TRA I TIFOSI

Sezione: Rassegna / Data: Dom 19 gennaio 2020 alle 11:06 / Fonte: Tuttosport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print