L'analisi di Repubblica della vittoria in Europa League evidenzia le nuove certezze per l'Inter dopo la trasferta in Bulgaria. "La vittoria di Razgrad, che i nerazzurri hanno conquistato nella ripresa dopo un primo tempo giocato come fosse un'amichevole, porta ai nerazzurri almeno due buone notizie - si legge -. La prima, prevedibile: Eriksen è davvero il giocatore per cui valeva la pena investire tutte le energie e i soldi che sono stati necessari a portarlo a Milano. La seconda, meno banale: l'Inter funziona anche se rinuncia al 3-5-2, che a inizio stagione ha stupito l'intera Serie A, ma che da qualche tempo si è rivelato troppo prevedibile".

"L'andata dei sedicesimi di Europa League a Razgrad è stata l'occasione per schierare la difesa a quattro, con davanti Borja Valero a fare girar palla, Vecino e Barella (entrato al posto di Moses) esterni, ed Eriksen dietro alle due punte. Il Ludogorets, per ammissione del suo allenatore, negli ultimi 20 minuti non ci ha capito più niente. Nei precedenti 70', pur senza riuscire a fare un tiro in porta, la squadra bulgara aveva gestito la partita".

VIDEO - ERIKSEN MANIA ALLA LUDOGORETS ARENA, SELFIE E AUTOGRAFI PER IL DANESE

Sezione: Rassegna / Data: Ven 21 Febbraio 2020 alle 11:00
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
Vedi letture
Print