Si snocciolano i numeri sulla Gazzetta dello Sport per fotografare il pareggio dell'Inter a Napoli che ha il sapore di vittoria: nessuno nei 5 campionati top è arrivato a 75 punti, Conte ha superato i 74 del Manchester City e con una partita in meno. "Cifra che trasmette forza e annuncia la Champions che verrà", sostiene la rosea. Che poi riporta l'orologio della Storia al 2012, alla prima Juve del tecnico leccese: al San Paolo nacque il 3-5-2 e la BBC. Ieri, nello stesso stadio che ora si chiama 'Diego Armando Maradona', gli ha fatto gol l’uomo della svolta: Eriksen. Il giocatore che, con Ivan Perisic, ha fatto fare lo step decisivo a livello di qualità nel momento cruciale della stagione. "È sembrato quasi un messaggio del tecnico, che si sente bersagliato dal mondo: 'Guardate che non siamo solo difesa'. E, quasi a ribadirlo, Handanovic, Skriniar e De Vrij, i giganti, protagonisti della stagione, hanno pasticciato il vantaggio del Napoli", conclude il collega Luigi Garlando. 

VIDEO - TRAMONTANA: "BUON 1-1, ERIKSEN HA DIMOSTRATO UNA COSA"

Sezione: Rassegna / Data: Lun 19 aprile 2021 alle 08:35
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari
Vedi letture
Print