Il gol di Shevchenko stava per tagliare fuori l'Inter dalla Champions League, poi rimonta nerazzurra con Milito e Sneijder. E così la notte di Kiev passa alla storia come il primo, fondamentale snodo per il Triplete del 2010. Era il 4 novembre 2009, quasi 11 anni fa esatti. E oggi l'Inter torna proprio a Kiev, per un'altra tappa decisiva in Europa. L'avversario non è la Dinamo come allora, ma lo Shakhtar Donetsk: poco cambia. "Oggi siamo solo alla seconda giornata del girone: l’Inter deve vincere, può permettersi il lusso di pareggiare per provare poi a recuperare i punti persi nelle prossime quattro, ma di sicuro non può sbagliare - sottolinea la Gazzetta dello Sport -. Un k.o. a Kiev dopo il pari interno col Gladbach metterebbe la squadra di Conte già spalle al muro. Così, undici anni dopo, Kiev si trasformerà nuovamente in bivio per l’Europa".

VIDEO - TANTI AUGURI A... - ANTONIO MANICONE, IL SIGILLO SULLA UEFA '94 CON IL GOL AL DORTMUND CHE VALE LA FINALE

Sezione: Rassegna / Data: Mar 27 ottobre 2020 alle 09:24 / Fonte: Gazzetta dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print