Ricky Alvarez è finalmente sbocciato. Per La Gazzetta dello Sport l'argentino ci ha messo due anni a dimostrare che il diesse Ausilio aveva ragione a puntarci. Infortuni e un po' di mollezza caratteriale gli avevano affibiato l'etichetta di 'inadeguato' al nostro calcio. Poi è arrivato Mazzarri e gli ha parlato, lo ha caricato e spronato ad essere più concreto.

Pondrelli invece ha fatto tanto per vedere un Alvarez così attivo sotto il profilo atletico. L'argentino ha, dati alla mano, un'altissima resistenza, con valori di corsa e scatti ripetuti da far invidia a un mediano. Le giocate più importanti, nelle prime partite stagionali, sono arrivate negli ultimi minuti di gara.

Sezione: Rassegna / Data: Mer 25 settembre 2013 alle 09:24
Autore: Luca Pessina / Twitter: @LucaPess90
vedi letture
Print