Oggi, a mezzogiorno, è in programma l’assemblea della Lega Serie A, il cui principale punto all’ordine del giorno è la trattativa con Mediapro che ha offerto un miliardo e 150 milioni annui (oltre a 78 milioni di costi di produzione e 55 di diritti d’archivio) per realizzare in partnership con la Lega il canale della Serie A a partire dal 2021. Ma - come spiega la Gazzetta dello Sport - non ci sarà ancora una votazione su Mediapro, come anticipato dall'ad Luigi De Siervo ai 20 club, né verrà posta sul tavolo dei presidenti la versione aggiornata della bozza di contratto.

"Si pensava - si legge sulla rosea - che quello di oggi sarebbe stato l’appuntamento decisivo. In realtà sono diversi ancora i punti da chiarire, dalle tempistiche delle garanzie (Mediapro si è detta disposta a trasformare in acconto i 200 milioni di fideiussione) al business della pubblicità. In ogni caso, i diritti tv del campionato verranno offerti pure al mercato (quindi a Sky e agli altri operatori) con un bando nel primo semestre 2020. L’assemblea cade a pochi giorni dall’apertura di un’inchiesta della procura federazione sull’elezione del presidente Miccichè del marzo 2018". 

VIDEO - NERAZZURLI - LAUTARO MERAVIGLIA E I GOL "INUTILI" DI LUKAKU: SASSUOLO-INTER VISTA DA TRAMONTANA

Sezione: Rassegna / Data: Lun 21 Ottobre 2019 alle 11:00
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari
Vedi letture
Print