La Repubblica intervista oggi l'ex commissario tecnico azzurro Cesare Prandelli, che spazia tra la Serie A e la Nazionale. "Sarò diretto - dice Prandelli - non mi piace chi gioca solo per dimostrare di seguire la moda. In Serie A sono tutti molto propensi a seguire la tendenza, rinunciando troppo velocemente alla nostra identità. Si parla tanto del gioco palla a terra, ma se ho una punta forte di testa perché non la devo sfruttare? Noi abbiamo avuto Vieri, Riva, Boninsegna, Toni".

Quando si parla della corsa scudetto, Prandelli elogia l'Inter. "Secondo me la Juve è avanti, ma quest'anno finalmente sono in corsa in tre e credo lo saranno fino alla fine. L'Inter in pochi mesi ha assunto fisionomia e mentalità importanti. La Juve ha confermato che quei giocatori hanno una fame pazzesca. E migliorano sotto l'aspetto della qualità del gioco".

Tra le possiibili sorprese in vista delle convocazioni per l'Europeo, Prandelli cita "Favilli, se riesce a superare i problemi fisici. Lo stesso Pinamonti. E poi aspettano tutti Balotelli, se fa 10-15 gol...".

Sezione: News / Data: Gio 17 Ottobre 2019 alle 12:38
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
Vedi letture
Print