Il giornalista sportivo Matteo Marani, ai microfoni di Sky Sport 24, ha parlato anche di Inter, soffermandosi anzitutto sul discorso relativo al gap da colmare con la Juventus nella corsa allo scudetto: "Penso che ci sia ancora distanza fra nerazzurri e bianconeri: manca ancora Kantè nel disegno di Antonio Conte, a quel punto sarebbe perfettamente la sua squadra. Penso che un allenatore debba essere coerente, giocando con la propria filosofia e le proprie idee di gioco, andando a esprimere il meglio che può dare. Vuole una squadra combattiva e guerriera, non di palleggio dunque; non è Guardiola o un tecnico che persegue quel tipo di filosofia. Per me Antonio non ha ancora portato i nerazzurri alla cattiveria agonistica che vorrebbe, nonostante gli ottimi risultati raccolti fin qui. Vidal è un rinforzo in linea col gioco che propone il tecnico salentino, dinamico e forte, ma sono sicuro che il sogno sarebbe Kantè. Tuttavia deve cedere anzitutto, Joao Mario, Vecino, sono troppi giocatori con ingaggi pesanti non funzionali ai piani nerazzurri. L’Inter costruendo a Conte la sua squadra ce la può fare contro la Juventus in campionato. Mercato faraonico? Bisogna essere realisti, è evidente che il covid abbia rivoluzionato tutto, certi investimenti non possono essere affrontati al momento. In questa fase l’Inter deve ricavare da quello che ha, il tutto sta all’abilità degli uomini di mercato. Vendere quindi per acquistare e smuovere gli equilibri. Qualora Conte riportasse l’Inter alla vittoria il discorso sulle polemiche passerebbe in secondo piano”.

Sezione: News / Data: Mar 22 settembre 2020 alle 21:35 / Fonte: sky sport 24
Autore: Stefano Carnevale Schianca / Twitter: @SchiancaStefano
Vedi letture
Print