Una partita da allarme rosso. Almeno per quanto riguarda l'ordine pubblico. Si sta parlando molto dell'invasione serba a Milano, prevista già a partire da domani. Anche se il grosso del tifo del Partizan arriverà a Milano nella giornata di giovedì, il giorno della partita. Ed è già scattato l'allarme ultrà, soprattutto per chi ha ancora negli occhi le terribili immagini di Marassi durante Italia-Serbia del 12 ottobre 2010.

La tifoseria del Partizan è considerata tra le più pericolose d'Europa, ma c'è un altro fattore da considerare. Perché un gruppo degli ultrà del Partizan, i 40+, hanno stretto un gemellaggio con la Curva Sud del Milan. Solo una coincidenza, perché il gemellaggio è iniziato addirittura in aprile, ben prima del sorteggio di Europa Leage. E' quindi solo un caso che ci sia questo derby 'a distanza'. La Curva Sud ha scaldato l'ambiente durante il derby con alcuni striscioni come questo: "Servi contro Serbi. Vi rivedremo nel prossimo derby?". L'allerta quindi è alta anche per questo motivo.

Da Belgrado dovrebbero arrivare 3.300 tifosi, 4 mila in tutto dovrebbero essere i tifosi nel settore ospiti giovedì. C'è preoccupazione anche per i possibili 300 'cani sciolti' (senza biglietto per motivi di ordine pubblico) che potrebbero venire a Milano per un regolamento di conti. Possibile scontro interno tra tifosi del Partizan, derby a distanza per il gemellaggio con il Milan e la violenza per cui sono noti i tifosi serbi. L'allerta a Milano è massima, il questore Luigi Savina ha incontrato il direttore generale della polizia serba, Mladen Kuribac. Agenti e carabinieri sono pronti agli straordinari, nella speranza, ovviamente, che tutto vada per il meglio.

Sezione: In Primo Piano / Data: Mar 23 Ottobre 2012 alle 19:30
Autore: Redazione FcInterNews / Twitter: @FcInterNewsIt
Vedi letture
Print