"Nella guerra fredda fra Mauro Icardi e l'Inter, entra per la prima volta la minaccia atomica. Il giocatore potrebbe chiedere al collegio arbitrale della Serie A la risoluzione del suo contratto con i nerazzurri, valido fino al 30 giugno 2021". La notizia è di Repubblica, che dunque prefigura una battaglia legale tra l'argentino e il club nerazzurro, sempre più ai ferri corti.

Contatti preliminari tra lo staff del giocatore e legali esperti di diritto del lavoro sarebbero già stati avviati. In poche parole - secondo Repubblica - Icardi cerca la rescissione del contratto e la possibilità di accasarsi a un'altra squadra a parametro zero. Una mossa che ricorda quella che nel 2010 permise a Goran Pandev di trasferirsi a titolo gratuito dalla Lazio all'Inter. Ma la differenza con la situazione del macedone è evidente: in quel caso, infatti, la società biancoceleste aveva messo ai margini il giocatore, lasciandolo ad allenarsi in solitaria senza poter avere contatti con il resto del gruppo. In ballo c'era un rinnovo che Pandev non voleva siglare con il club di Lotito. All'Inter, se c'è qualcuno che si è rifiutato di fare qualcosa, questo è Icardi, che l'anno scorso decise per l'auto-esilio di due mesi per poi tornare in gruppo dopo una trattativa con l'avvocato.

Una diversità sottolineata anche da Repubblica, che infatti spiega come "le possibilità di vittoria ci sono, ma sono risicate. Tecnicamente - si legge -, Icardi potrebbe sostenere che l'Inter senza giustificazione lo abbia trattato in maniera diversa rispetto ai compagni. Con una procedura urgente, il lodo potrebbe arrivare entro fine estate. L'Inter potrà resistere in giudizio con buone probabilità di vittoria".

VIDEO - ALLA SCOPERTA DI... - VALENTINO LAZARO, DALL’AUSTRIA A TUTTA FASCIA

Sezione: In Primo Piano / Data: Sab 15 Giugno 2019 alle 10:31 / Fonte: Repubblica
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print