Una chiacchierata con Matteo Politano a due giorni dalla trasferta di Genova contro i rossoblu. Questo l'ultimo contenuto di Dazn, che trasmetterà la partita del Marassi. Si parte dal derby di Milano e dalle sensazioni dell'esterno classe '93: "Quest'anno era il primo derby importante che giocavo e per me è stata una sensazione ancora più bella. Quando vedi il derby di Milano è sempre tutto pieno, in campo ci sono grandissimi giocatori ed è bello giocarci. Ho avuto alti e bassi, non ero abituato a giocare così tanto e ogni tanto ho avuto un calo fisico, però sono abbastanza contento. Adesso mancano 10 partite e cercherò di fare il massimo, ci tengo a essere riscattato e per me sarebbe bellissimo rimanere qui".

Politano è il primo dell'Inter per dribbling riusciti e occasioni create.
"Diciamo che cerco sempre di puntare l'uomo e venir dentro, sono le mie caratteristiche".

Controlli palla, rientri sul sinistro e calci sul secondo palo: è un movimento che si allena?
"Sì, cerco di allenarlo quasi tutti i giorni, mi fermo con Samir (Handanovic, ndr) dopo l'allenamento e proviamo entrambi".

Allo stadio si sentiva un tifoso che diceva: fino al tiro sembra Robben...
"Il problema è dopo (ride, ndr). Robben è uno di quelli che mi è sempre piaciuto, lo vedevo come modello da seguire. A volte mi fermo un attimo, invece dovrei attaccare la porta. C'è tanto da migliorare. Non riesco tanto a gestirmi, vorrei dare sempre il massimo finché ce la faccio".

Quanto ti senti importante in questo gruppo?
"Non è che mi sento importante, lo siamo tutti. Siamo tutti di livello alto, l'importante è che ognuno dia il 100%. Quando vai in campo se uno dà solo il 90% la squadra fa fatica".

Hai detto che Spalletti non è mai stato in discussione. Che rapporto hai con lui?
"Bellissimo, parliamo spesso. Mi dà tanti consigli, di essere più cattivo. E' proprio quello che mi manca".

Il tuo ruolo preferito?
"Quello che sto facendo, l'esterno. Però l'anno scorso con Iachini ho giocato da prima punta vicino a Berardi e mi sono trovato bene. Lo rifarei".

Con chi hai legato di più?
"Con Radja, Berni, Padelli, Ranocchia, ma sto bene con tutti. Negli anni ho legato tantissimo con i portieri. Forse perché mi fermo con loro in allenamento (ride, ndr)".

VIDEO - A L.A. FA QUASI TUTTO IBRA: QUASI-GOL DI "SCORPIONE" E DUE RIGORI CONQUISTATI E SEGNATI (CON SCAVETTO)

Sezione: In Primo Piano / Data: Lun 1 Aprile 2019 alle 14:26
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
Vedi letture
Print