"È vero che un paio di volte sono stato vicino all’Inter ma finalmente sono riuscito ad arrivare. Per me è stata una scelta facile, quando ho ricevuto la chiamata del club non ci ho pensato due volte quindi ho accettato volentieri. Tanti giocatori li conoscevo già, abbiamo giocato diverse volte da avversari, quindi avevo già un’impressione molto positiva, non vedo l’ora di incontrarli tutti". Lo ha detto Aleksandar Kolarov, neo acquisto dei nerazzurri, parlando in esclusiva alla tv del club milanese.

Quanto ha influito Antonio Conte sulla tua scelta?
"Sicuramente tanto, lui quando era in Inghilterra ha vinto subito e l’anno scorso, quando è arrivato qui ha cambiato il volto dell’Inter. Mi auguro che potremo fare bene tutti insieme e provare a vincere". 

Il ruolo preferito.
"Ora mi trovo benissimo come terzo centrale di sinistra, l'ho fatto a Roma e al City con Guardiola. Visto che l'Inter ha sempre il possesso palla mi trovo bene lì". 

Il segreto delle punizioni.
"Io ho il tiro potente, poi serve allenamento. Quando trovo il giorno giusto in settimane le provo in allenamento".

Mihajlovic.
"Lui era il mio idolo da bambino quando giocava nella Stella Rossa. Il mio destino può essere come il suo, magari chiuderò anche io la carriera all'Inter".

Derby.
"Ho giocato tanti derby a Roma, da una parte e dall'altra, ma anche al City. E' una gara importantissima, non so come sia l'aria qui a Milano. Mi aspetto di segnare anche qui, come ho fatto nelle altre stracittadine".

Messaggio a tifosi.
"Sicuramente quello che ho visto negli anni è che sono sempre molto presentii. Visto che la prima giornata non saranno allo stadio, vorrei dire che abbiamo bisogno della loro spinta per fare delle cose importanti anche quest’anno".

Sezione: In Primo Piano / Data: Gio 10 settembre 2020 alle 13:10
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari
Vedi letture
Print