In occasione della sua presentazione come testimonial della linea Hugo Boss legata al Paris Saint-Germain, Mauro Icardi ha rilasciato una lunga intervista a Hypebeast, in cui ha raccontato il suo arrivo a Parigi e alcuni aspetti personali e professionali:

Mauro, hai appena segnato una doppietta nel tuo primo derby contro l'OM. È stato un momento speciale per te?
"In realtà sì, è stato molto speciale. Sono passati due mesi da quando sono arrivato e giocare il mio primo 'classico' segnando due gol e ottenendo una grande vittoria alla fine è stato grandioso. Un bel momento".

Com'è la tua integrazione nel gruppo parigino?
"L'integrazione è andata molto bene. Appena sono arrivato, tutti mi hanno accolto bene, soprattutto i giocatori che parlano spagnolo. Con coloro che non parlano spagnolo, comunichiamo in inglese. A dire il vero, tutti mi aiutano ogni giorno. Quando ho bisogno di qualcosa, sono lì per me. La mia integrazione sie è realizzata molto rapidamente grazie ai miei compagni".

Anche i fan parigini ti hanno immediatamente adottato.
"Nella prima partita che ho giocato qui, al Parc des Princes, mi hanno mostrato il loro sostegno non appena mi sono riscaldato. È stato molto commovente per me. Ho intenzione di trasformare questa emozione in un obiettivo. Voglio essere il migliore per loro".

Tra i tuoi nuovi compagni di squadra, c'è un certo Kylian Mbappé. Quali sono le tue impressioni su di lui? Vi abbiamo visti abbastanza vicini sui social network e durante l'allenamento...
"Con Kylian, abbiamo legato sin dal mio arrivo. È un ragazzo molto giovane che è già uno dei giocatori più importanti al mondo. Abbiamo immediatamente trovato il giusto feeling e condividiamo le cose sul campo, ma anche all'esterno. È uno dei migliori giocatori al mondo ed è un vantaggio per me".

Hai avuto un fragoroso inizio di stagione con la maglia del PSG. Hai delle ambizioni per questa stagione? Un obiettivo, ad esempio?
"No, non ho mai fissato obiettivi. Naturalmente, come dico sempre, è importante che un attaccante firmi dei gol. Ma in linea di massima conta che i miei gol ci consentano di vincere partite importanti e, soprattutto, titoli. Questo è ciò su cui mi sto concentrando, non il numero totale di gol che segnerò".

Dopo un anno particolare e difficile, questa è la stagione del tuo ritorno in primo piano?
"È vero che l'anno scorso non è stato facile anche se ho avuto l'opportunità di giocare molte partite e di segnare qualche gol. La mia ambizione è continuare a migliorare e voglio continuare a essere uno dei più importanti centravanti al mondo. Posso farlo solo segnando quanti più gol possibile e lavorando sempre più duramente per raggiungere i miei obiettivi. Questo è tutto ciò che conta per me".

Hai firmato proprio allo scadere della finestra di mercato estivo con il PSG. Il tuo arrivo e il tuo adattamento sono stati difficili?
"Difficile no. Ma poiché siamo una grande famiglia con cinque figli, il cambiamento è più complicato per loro. Sono ancora a scuola a Milano e si uniscono a me qui durante le vacanze. Non volevamo cambiare tutto per loro, precisamente. Ma siamo bravi. E quando ho tempo libero, li raggiungo a Milano, dove abbiamo ancora la nostra casa".

Inoltre, quando giocavi nell'Inter, vivevi vicino allo stadio. Hai fatto la stessa scelta qui?
"Sì, a Milano ho vissuto proprio di fronte allo stadio. Qui sono un po' più avanti, mi sono stabilito a Neuilly. Non è molto vicino, ma non è così lontano (ride, ndr)".

Com'è la tua nuova vita a Parigi? Cosa ne pensi della città?
"Parigi mi ricorda molto Milano, che è anche una delle migliori città. Ma qui è molto più grande, mentre a Milano le cose sono più concentrate. Ero stato in vacanza a Parigi prima, ma per il momento non posso davvero godermi la città. Abbiamo partite ogni tre giorni e quando sono libero torno a Milano per i miei figli. Non sono ancora uscito molto".

Hai un aneddoto o qualcosa da dirci sulla tua nuova vita francese? Qualcosa che ti ha sorpreso?
Un aneddoto? Come ti ho detto, non sono stato ancora in grado di fare molto. A dire il vero, rispetto ad Argentina, Spagna e Italia, per il momento nulla mi sorprende. Trovo molte cose in comune".

Parigi e Milano sono le due città più associate alla moda nel mondo. È giustificato secondo te?
Sì certo. Non so se Milano sia la città più importante in termini di moda, ma è sicuramente una delle principali. Personalmente, adoro la moda e la seguo attentamente. Quindi ora che sono a Parigi, posso continuare a godermela. Quando sono arrivato, sono andato immediatamente a vedere le sfilate alla settimana della moda. Ma vedo Parigi allo stesso livello di Milano, forse anche di un livello superiore, in termini di moda".

Dal momento che stiamo parlando di moda, che tipo di moda ama Mauro Icardi?
"Mi è sempre piaciuto vestirmi bene. Mi piace mescolare gli stili in modo sobrio. Non mi piace troppo il colore. Preferisco gli stili un po basic ma tutto deve essere ordinato".

Nel tuo nuovo spogliatoio la moda viene presa molto seriamente?
"Nel camerino, tutti i giocatori prestano attenzione al modo in cui si vestono. Vogliono tutti essere belli e profumati (ride, ndr). Ognuno ha il suo stile. Alcuni sono più classici come me, altri più rap se si può dire. Ma ognuno di noi presta particolare attenzione al suo stile, sì".

Hai lasciato l'Argentina molto giovane. Il tuo paese non ti manca troppo?
"Non mi manca l'Argentina perché mi prendo il tempo di tornarci per la fine dell'anno o la fine della stagione. Salto su un aereo e vado a trovare la mia famiglia quando ne ho l'opportunità".

A Parigi, la pressione dei media è più forte di ogni altro posto. Come gestisci questa pressione?
"Sono una persona che non soffre molto per la pressione, ne subivo molta in Argentina e in Italia. È un'abitudine, qualcosa che mi accompagna costantemente. Questo è il gioco e il prezzo da pagare per una persona conosciuta. Ma io sono tranquillo. La pressione non mi riguarda affatto".

Quale pensi sia il tuo miglior ricordo nel calcio?
"Il mio miglior ricordo? Fare gol, semplicemente. Sono i gol che mi danno forza. Per un attaccante, fare un gol sarà sempre il suo miglior ricordo".

Sezione: In Primo Piano / Data: Mer 6 Novembre 2019 alle 14:45
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
Vedi letture
Print