Diego Godin, difensore dell'Inter, ha presentato il match di lunedì sera contro lo Shakhtar Donetsk ai microfoni di Inter Tv: "Conosciamo bene la squadra di Luis Castro: abbiamo visto la gara contro il Basilea e studiati attraverso i video. Amano tenere il pallone, ma si abbassano e ripartono sfruttando molto le fasce. Sono una squadra di qualità e dovremo essere bravi a pressarli e trovare le giocate per fargli male: abbiamo giocatori forti nell'uno contro uno. Siamo un bel gruppo e lo siamo sempre stati, abbiamo tanti bravi ragazzi e questa è la cosa principale per andare avanti: avere armonia in spogliatoio e calciatori di qualità. Siamo contenti, siamo nella situazione in cui vogliamo essere: giochiamo una competizione importante e stiamo crescendo. Nella mia carriera con i compagni ho sempre cercato un buon feeling, cerco di stare bene con tutti e quella è sempre stata una mia caratteristica".

Godin torna poi a porre l'accento sul lavoro fatto per convincere Antonio Conte dopo alcuni mesi di difficoltà: "Ho lavorato al massimo per tradurre sul campo le indicazioni del mister, diverse da quello che hanno caratterizzato il mio percorso negli anni precedenti. Ho dovuto cambiare la testa e il fisico, non è stato facile ma ho capito la sua idea, come vuole portare avanti la squadra e penso di aver vinto quella sfida con me stesso. Adesso è più facile aiutare i compagni, essere leader in campo con le idee del Mister e anche fuori". Ma Godin si vede allenatore in futuro? "Tra dieci anni magari... Mi piace tanto il calcio, mi piace guardare tutte le partite e imparare". 

In conclusione, una battuta su Romelu Lukaku: "Romelu è importantissimo per il nostro sistema, è cresciuto tanto, anche mentalmente. Gli attaccanti sono il vertice del nostro gioco. Tutto finisce lì, per tenere palla, per andare nello spazio. Se loro stanno bene e fanno quello che chiede il mister è difficile difendersi per gli avversari" 

VIDEO - ALLA SCOPERTA DI... - VITALIY MIKOLENKO, UN TALENTO IN OTTICA INTER

Sezione: In Primo Piano / Data: Ven 14 agosto 2020 alle 19:05
Autore: Christian Liotta / Twitter: @ChriLiotta396A
Vedi letture
Print