Nuovo compagno per Ibrahimovic cercasi. I desideri di Mourinho sembrano chiari più che mai: il tecnico dell'Inter vuole un'altra punta, che possa integrarsi alla perfezione con lo svedese, in modo da creare una coppia gol fenomenale. Adriano e Balotelli, pur con tutte le loro qualità indiscutibili e pur avendo mostrato spesso una buona sintonia con Ibra, non sembrano aver fino in fondo convinto Mou, che cerca qualcosa in più, un elemento che possa far fare all'Inter quel salto di qualità tanto atteso, soprattutto in Europa.

Chi vuole, anzi, chi può essere l'uomo giusto che risponde a dovere a questo identikit? La caccia è aperta, e la rosa di nomi è piuttosto ampia. Anche se il primo nome di questa lista resta, sembra scontato dirlo, Didier Drogba. Specie in questo momento, ovvero dopo le due reti segnate in altrettante partite alla Juventus, l'ivoriano, per il quale Mou stravede da sempre, è il principale indiziato per questo ruolo. Malgrado l'età non sia più verdissima, ha talento, potenza, doti tecniche da invidiare, e grande esperienza internazionale. Quello di Drogba è un nome che non è mai passato di moda, e la cessione di Quaresma al Chelsea, nonostante le smentite di Branca, suona sempre come un'ulteriore traccia in questa direzione.



Dietro Drogba, c'è Sergio Aguero, il genero di Maradona, la stella dell'Atletico Madrid, che Maradona in persona ha fortemente sponsorizzato promuovendo il suo eventuale acquisto da parte dell'Inter. Giovane, grande fantasia, è particolarmente gradito a Moratti, che lo ha fatto seguire da tempo. Contro il suo arrivo, però, giocano diversi fattori: in primis, la voglia del giocatore di restare a Madrid; poi, le altissime pretese economiche del presidente dei colchoneros Cerezo; e, per ultimo, il fatto che forse difetta ancora di esperienza in ambito europeo (col Porto è stato davvero deludente).

In seconda fila troviamo, più staccati, Samuel Eto'o, in rotta ormai col Barcellona nonostante l'ottimo campionato, e, ancora più indietro, il talento del Lione Karim Benzema, che comporterebbe anche lui un sacrificio economico non proprio leggerissimo. Comunque sia, i taccuini degli uomini mercato di Via Durini sono carichi: adesso, occorre aspettare...

Sezione: In Primo Piano / Data: Sab 14 marzo 2009 alle 09:50
Autore: Christian Liotta
vedi letture
Print