Nessun rimpianto di mercato per la Fiorentina, che pure non è riuscita a centrare tutti gli obiettivi che aveva messo nel mirino nella sessione estiva appena andata in archivio. Compreso quel Matteo Politano per il quale l'Inter ha alzato un muro altissimo, come confermato oggi da Daniele Pradè, direttore sportivo dei gigliati: "All'inizio abbiamo detto che Chiesa non era in vendita e alla fine è rimasto. E le altre società hanno fatto lo stesso. Udinese e Sassuolo sono società solide, Politano e Suso non erano in vendita per Inter e Milan. L'unico che abbiamo lasciato andare è Raphinha per un discorso di costi, poi abbiamo scelto fra Ghezzal e Oudin: il primo ci dava caratteristiche che non avevamo".

Sezione: Focus / Data: Mar 3 Settembre 2019 alle 13:20 / Fonte: Tuttomercatoweb.com
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari
Vedi letture
Print