"I fondi stranieri che investono in Italia sono una grande opportunità, non guardiamoli con sospetto". A dirlo è Emiliano Nitti, avvocato milanese, nel corso di una lunga intervista con QN. Chiacchierata nella quale Nitti dice la sua sull'eventuale ingresso nell'Inter di BC Partners: "Suning? Una squadra di calcio è molto legata all'andamento dell'imprenditore di riferimento: se l'azienda va bene arrivano gli investimenti, altrimenti si rischia grosso. Diciamo che con il fondo ci sarebbe un rapporto 'freddo' ma maggior garanzia di continuità. E poi c'è maggior accesso al credito. In ogni caso, l'Inter cade in piedi: passerebbe da un gruppo internazionale a un fondo solidissimo. Però c'è da chiarire una cosa: l'obiettivo è valorizzare le aziende per poi rivenderle, e comunque non farle perdere".

Si parla, qunindi, della valutazione di mercato dell'Inter: "Si guardano il marchio, i risultati sportivi e i progetti. In Italia, club come Milan e Inter pososno essere valutati tra i 700 milioni di euro e il miliardo, debiti compresi che in caso di acquisto dovrebbero essere 'scontati'. I ricavi commerciali a zero con il cambio di proprietà? No, perché nell'ambito della trattativa si può stabilire che i contratti rimangano attivi per 2-3 anni". 

Sezione: Focus / Data: Sab 09 gennaio 2021 alle 12:49
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari
Vedi letture
Print