Voti ovviamente eccellenti per tutta l'Inter dopo la netta vittoria conquistata sulla Juve ieri sera. Secondo la Gazzetta dello Sport, la squadra merita 8, come il suo trascinatore e migliore in campo Nicolò Barella: "L'Inter si regge su una giunta di centro-destra - scrive la rosea -. Hakimi va, Barella lo segue, gli sbuca alle spalle e se serve gli subentra. Barella spettacolare per corsa, continuità, senso dell'inserimento e del cross. Suo l'assist per l'1-0 di Vidal; suo il gol prepotente, anzi toniturante. Prestazione monumentale per per intensità e partecipazione e inserimenti offensivi. Può diventare un pilastro della Nazionale degli anni Venti del nuovo millennio sempre più sul solco di Tardelli: in comune hanno anche la doppia elle nel cognome".
Mezzo voto sotto l'ex Cagliari troviamo Vidal, Bastoni e Hakimi, quindi Lukaku, Skriniar e De Vrij con 7. Sei e mezzo per Handanovic e Young, sufficiente Darmian. L'unico neo è Lautaro Martinez, 5,5: "Convince come regista offensivo: è uno sviluppatore di gioco, ha il senso dell'apertura e del tocco smarcante, fa ammonire Bonucci. Il freddo però gli congela l'istinto del gol, sono troppe le occasioni mancate: Lautaro fa l'avaro di reti". 

VIDEO - LO SCHERZO DI ARTURO, LA GALOPPATA DI NICOLINO: TRIPUDIO TRAMONTANA

Sezione: Focus / Data: Lun 18 gennaio 2021 alle 08:20
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari
Vedi letture
Print