"Su quattro palle che mi sono arrivate dall'inizio del campionato, ho fatto tre gol: una media niente male!". Queste parole di Mauro Icardi, dette in tv a Premium dopo il successo di Bologna, hanno scatenato sussurri e polemiche. "E le statistiche non gli danno torto. Le cifre raccontano di un Icardi poco servito, molto più periferico rispetto (esempio lampante) a Higuain, con tiri in porta ridotti al lumicino - sottolinea la Gazzetta dello Sport -. Premettendo che le cifre Opta si riferiscono alla penultima gara di campionato. Rispetto all’anno scorso, il capitano ha visto abbassarsi l’asticella della pericolosità: un anno fa era di 20,5 la media di passaggi ricevuti e quest’anno 15; un anno fa erano 19,4 i passaggi effettuati e oggi 13,9; un campionato fa Mauro viaggiava a 1,22 di media nei tiri nello specchio e adesso è a 0,56; la media di 5,1 di palloni giocati nell’area avversara di ieri è diventata di 3,9 quest’anno; sulle sponde è passato dal 2,1 all’1,9. Frenate inchiodanti. Nella classifica dei passaggi ricevuti di quest’anno, Mauro è 12° e val la pena notare – considerando Inter-Roma di sabato prossimo – quanto invece è ben servito Edin Dzeko dai suoi scudieri giallorossi (24,6). Nella graduatoria dei tiri nello specchio, poi, Mauro è pari a Di Natale, quattordicesimo, e lassù c’è Gonzalo Higuain che viaggia più spedito ma anche più vicino al senso del gol". Serve sicuramente una maggiore amalgama con i nuovi compagni, primo fra tutto Stevan Jovetic


 

Sezione: Focus / Data: Gio 29 Ottobre 2015 alle 09:15 / Fonte: Gazzetta dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print