Il profilo di Nicolas Tagliafico viene ciclicamente accostato all’Inter. Non è un segreto infatti che il laterale argentino sia ammirato da Javier Zanetti e dalla dirigenza nerazzurra. E che sia finito anche sul taccuino di svariati top club europei. Per conoscere nel dettaglio la situazione del giocatore, Ricardo Schlieper, l’agente del giocatore, è intervenuto in esclusiva ai microfoni di FcInterNews.

Nella sua posizione, Tagliafico continua a essere ritenuto uno dei migliori del mondo e anche per questo ci sono stati tanti rumors su di lui. Perché è rimasto all'Ajax?
"Molte squadre sono state sotto al calciatore, però il virus ha alterato il funzionamento normale del mercato. È successo lo stesso a svariati atleti".

In Italia si continua a sostenere che l'Inter sia sempre interessata a un suo eventuale acquisto. 
"Noi seguiamo con interesse i principali campionati europei. E quello italiano ne fa chiaramente parte".

Adesso ci sono possibilità che rinnovi con l'Ajax?
"Attualizzeremo il contratto in termini economici e lo allungheremo per una ulteriore stagione".

Lei ha già parlato con i dirigenti dell'Inter? O meglio, cosa può rivelare dell'interesse dei club italiani?
"Guardi, come ho già detto molte volte, tali temi in Italia sono trattati da Giovanni Branchini. È così da più di 25 anni".

Qualora però dovesse arrivare una buona offerta a gennaio, ci sono possibilità che Tagliafico lasci l'Ajax?
"Sì, certo".

In questo momento 20-25 milioni sono una cifra alta per qualsiasi club. Qualora arrivasse un'offerta seria, per un progetto importante, voi potreste chiedere all'Ajax uno sconto sul cartellino del giocatore?
"Non entro nel merito delle cifre, ma non sarebbe questa la richiesta".

Ma l'Inter, sempre a livello teorico, resta una destinazione apprezzata?
"Si, assolutamente. È un gran club dove hanno giocato, e militano tutt'ora con ottimi risultati, calciatori dell'Argentina".

VIDEO - ALLA SCOPERTA DI... - OLIMPIU MORUTAN, MAGIE MANCINE. ANCHE L'INTER SUL TALENTO RUMENO

Sezione: Esclusive / Data: Gio 03 dicembre 2020 alle 19:36
Autore: Simone Togna / Twitter: @SimoneTogna
Vedi letture
Print