Squadra che vince non si cambia. In campo, certamente, ma anche in società. Se sul rettangolo verde la "fame" è quella di riconquistare 'tituli', per dirla alla Mou, dietro la scrivania invece bisognava sistemare i conti per rendere i nerazzurri di nuovo competitivi sul mercato internazionale.

Dopo il grande lavoro effettuato con il settelment agreeement e le numerose plusvalenze che hanno permesso all'Inter di restare competitiva centrando due volte la qualificazione Champions, ora è tempo di rinnovo anche Piero Ausilio e Dario Baccin. I due dirigenti sono stati apprezzati anche dal nuovo a.d. dell'area sport Beppe Marotta, con cui hanno lavorato fianco a fianco per tutta la sessione di mercato estiva. Un gruppo granitico che ha posto le basi per la costruzione di un nuovo ciclo e, non a caso, Suning - proprio per lavorare al meglio e in sinergia - ha predisposto i rinnovi fino al 2022 sia di Ausilio sia di Baccin. La stessa durata di Beppe Marotta. Per un'Inter sempre più organizzata e strutturata. In campo e fuori.

Sezione: Esclusive / Data: Ven 6 Settembre 2019 alle 11:42
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
Vedi letture
Print