Ripartire con la 27^ giornata oppure con i recuperi della 25^? Oggi la Lega si riunirà prima nel consiglio e poi nell'assemblea, e deciderà il calendario (probabilmente per i primi due turni) e gli orari dei match (dibattito aperto sugli slot 17.15, 19.30 e 21.45). Intanto, la certezza è che a tornare in campo a giugno saranno innanzitutto le quattro semifinaliste di Coppa Italia: il 13 (Juve-Milan) e il 14 (Napoli-Inter). E - come sottolinea la Gazzetta dello Sport - non sarà una scampagnata all’insegna della concordia. I quattro club sono irritati da questo forcing iniziale. "Probabile che le due semifinali non prevedano supplementari in caso di parità: si andrebbe direttamente ai rigori. D’altronde il menu che aspetta il calcio è davvero abbondante: 127 partite in 50 giorni".

E occhio in particolare alla posizione dell'Inter, che guida la protesta: come spiega la Gazzetta, la ripartenza consegnata alla Coppa Italia è definita "sconcertante". Tanto da suggerire una provocazione: a Napoli i nerazzurri scenderanno in campo con la formazione Primavera. D'altronde, il ragionamento è semplice: se il campionato riprenderà con i recuperi della 25^ giornata, l’Inter sarà l’unica squadra chiamata a giocare ogni tre giorni (ammesso che vada in finale di Coppa Italia).

VIDEO - L'ULTIMO ACUTO DI ETO'O: DOPPIETTA E COPPA ITALIA IN BACHECA

Sezione: Copertina / Data: Ven 29 maggio 2020 alle 08:49 / Fonte: Gazzetta dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print