Intervenuto ai microfoni di TeleradiostereoMarc Wilmots, ex ct del Belgio e vincitore da giocatore della Coppa Uefa con lo Schalke 04 nella stagione 1996/97, prova a consigliare le partecipanti all'Europa League ricordando la sua esperienza personale: "Noi vincemmo la Coppa Uefa nel 1997 contro l'Inter, ma per vincere il trofeo serve una strategia e la nostra era quella di non prendere gol in casa, cosa che facemmo molto bene per tutta la competizione. C'è bisogno anche di un collettivo compatto, solido e che mira fortemente allo stesso obiettivo".

È cosi complicato gestire un giocatore come Nainggolan? Lei lo ha allenato in Nazionale, la Roma lo ha ceduto, l'Inter lo ha scaricato.
"Non c'è nulla di difficile nella gestione di Radja, è un giocatore che è evoluto tantissimo. Nel 2014 non lo convocai al Mondiale perché c'era un blocco che aveva fatto tutte le qualificazioni e non era giusto lasciar fuori altri, mentre nell'Europeo del 2016 è sempre stato schierato. Alla Roma è diventato un giocatore più completo. Le cose gli vanno dette, occorre solo parlarci ed essere sinceri con lui".

Sezione: News / Data: Mar 18 Febbraio 2020 alle 22:19 / Fonte: Vocegiallorossa.it
Autore: Stefano Bertocchi / Twitter: @stebertz8
Vedi letture
Print