Svolta verso il professionismo nello sport femminile: con un emendamento alla legge di Stabilità, è stato deliberato uno sgravio contributivo per tre anni al 100% per le società sportive. A questo punto la palla passa alle Federazioni. L’emendamento, che ha come prima firma quella del dem Tommaso Nannicini, prevede un esonero contributivo al 100 per cento per tre anni fino a un tetto di 8 mila euro per le società sportive che stipuleranno contratti di lavoro sportivo con le proprie atlete. Di fatto, da ora in avanti, le federazioni sportive non hanno più alibi dal punto di vista economico per equiparare le donne agli uomini.

"È l'inizio di una partita che va giocata con nuovi inserimenti e vinta? Sì. È nelle Federazioni che si decide in merito allo status delle atlete e così sarà in Figc, dove discuteremo assieme ai nostri club. Troviamo insieme la via migliore per un obiettivo che oggi è più vicino", il commento si Sara Gama, capitano della Nazionale italiana, su Twitter. 

Sezione: News / Data: Gio 12 dicembre 2019 alle 15:06
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari
vedi letture
Print