Nella sesta visita alle Nazioni Unite, Inter Campus è stato invitato a partecipare e a portare il suo contributo in due differenti conferenze. Il primo giorno è stato utile per raccontare il percorso di avvicinamento del progetto nerazzurro al mondo delle disabilità, "che nasce in modo spontaneo sui campi del mondo, in particolare in Polonia e Russia dove oggi sono coinvolti bambini e bambine con disabilità intellettive e a volte anche motorie. Rispetto a questo tema, l'impegno di Inter Campus si sta concentrando anche sul territorio milanese, attraverso la partecipazione attiva al progetto del Comune di Milano e di Fondazione di Comunità Milano 'Gioco al Centro - Parchi Gioco per Tutti', con l'obiettivo di realizzare aree attrezzate accessibili con giostre e giochi inclusivi nei parchi pubblici dei nove Municipi della città" precisa Inter.it. 

Nella seconda giornata, invece, il tema sport e disabilità è stato presentato da Julio Gonzalez, coordinatore tecnico di Inter Campus Paraguay, prendendo spunto dalla sua esperienza personale: "Ogni persona è fatta di sogni, il mio era quello di fare il calciatore. Lo sport mi ha dato molto, facendomi diventare un professionista in Italia prima e coinvolgendomi nel progetto Inter Campus dopo, quando a causa del mio incidente sono ritornato in Paraguay. Grazie allo sport la mia disabilità è diventata una nuova opportunità di inclusione e di crescita. I 100 bambini orfani di Asunción con cui è iniziato il progetto nel 2008, oggi sono 300 ai quali insegno l'importanza di combattere e di inseguire sempre i propri sogni".

VIDEO - ALLA SCOPERTA DI... - VALENTINO LAZARO, DALL’AUSTRIA A TUTTA FASCIA

Sezione: News / Data: Sab 15 Giugno 2019 alle 11:43 / Fonte: Inter.it
Autore: Stefano Bertocchi / Twitter: @stebertz8
Vedi letture
Print