Dal proprio editoriale per TMW, il direttore sportivo africano Malù Mpasinkatu elogia l'Italia di Prandelli e Giampaolo Pazzini: "Nella settimana che segna la pausa per gli impegni delle Nazionali, le squadre di club riposano alla ricerca di energie per l'ultimo rush del 2011, quello che conduce dritto alle vacanze di Natale. Abbiamo potuto apprezzare una grande Nazionale, grazie alla mentalità di Cesare Prandelli che non dimentica nessuno nelle sue convocazioni, concedendo spazio a tutti, dalla A alla B. E' infatti il caso di Angelo Ogbonna, unico giocatore della serie cadetta a stazionare nel gruppo azzurro che venerdì è sceso in campo in Polonia. Si è vista una squadra diversa rispetto a quelle provate da Prandelli fino ad ora, anche a causa dei due infortuni capitati ad Antonio Cassano e Giuseppe Rossi. L'improvviso problema è stato affrontato con grande maestria dal ct della Nazionale, che ha pensato di impostare la stessa formazione cambiando solo gli interpreti dell'attacco. Fortunatamente in Italia le punte non mancano e la scelta di Balotelli e Pazzini non è stata casuale.

SuperMario al momento è uno dei giovani più forti e talentuosi del panorama calcistico mondiale. L'ex interista ha firmato il primo gol con la maglia azzurra con un grandissimo fendente dalla distanza, dimostrando che un campione le partite sa risolvere anche da solo. L'incontro infatti era bloccato a causa del grande pressing effettuato dai polacchi, poi alla mezz'ora il fulmine a ciel sereno...Balotelli risolve tutto con un destro terrificante. A fine gara sono arrivate indicazioni importanti per Prandelli, compreso l'esordio positivo di Abate e la duttilità di Pepe. Pazzini il solito bomber mentre Balotelli lo si è visto ovunque, non solo in fase di realizzazione".

Sezione: News / Data: Dom 13 novembre 2011 alle 17:25
Autore: Fabrizio Romano
vedi letture
Print