L'ex difensore nerazzurro Marco Materazzi, ai microfoni di Inter Tv, ha parlato delle sensazioni pre partita contro il Milan rispondendo alle domande dei giornalisti.

Marco, hai giocato tanti derby e visto parecchi da tifoso, quello di oggi sarà particolare per tanti fattori come l’assenza del pubblico.
“È una partita splendida sotto ogni punto di vista, al di la del fatto che senza tifosi non è realmente calcio. Il momento è delicato e vanno rispettate certe regole, fino al termine della pandemia che mi auguro venga il prima possibile, per poter tornare a gioire a San Siro in partite come questa”.

Il Milan viene da un ottimo momento, forte di tre vittorie senza subire gol, con l'Inter che ha dimostrato un’ottima attitudine al gol, con 10 reti in 3 incontri.
“L’Inter sta facendo grandi cose, peccato solo per gli assenti per il covid; sarebbe potuta essere una partita ancor più spettacolare, senza nulla togliere a coloro che scenderanno oggi in campo. Parlo di gente che da un paio di anni sta costruendo l’ossatura di questa squadra, per poi elementi come Bastoni, che pur da giovane sta dando tanto al gruppo. Ci siamo abituati: siamo l'Inter, siamo pazzi, daremo il meglio. Il favorito ad oggi resta il Milan, speriamo che nel confronto fra Ibra e Lukaku vinca il belga".

Chi sarà l’uomo derby?
“Ibrahimovic penso che sia la torta di questo campionato insieme a Lukaku e a Cristiano Ronaldo. Da interista tifo per il belga, ma lo svedese è un campione totale che sta sostenendo tutti. Ha aiutato tutti noi ai tempi dell’Inter, mi auguro oggi che non vinca”.

Perchè un gol nel derby rimane così impresso nella memoria di un giocatore? 
“Rimane impresso perché secondo me fai gol nello stadio più bello del mondo, e questo lo dico al di là di aver giocato nell’Inter. Quando segni al derby penso che vieni ricordato in maniera differente".

VIDEO - INTER-MILAN, TIFOSI NERAZZURRI FUORI DAL MEAZZA: CANTI E CORI PER IL DERBY

Sezione: News / Data: Sab 17 ottobre 2020 alle 17:41 / Fonte: inter tv
Autore: Stefano Carnevale Schianca / Twitter: @SchiancaStefano
Vedi letture
Print