Chiuso in quarantena nella sua casa fuori Londra, Andriy Shevchenko racconta la sua routine in tempi di Covid-19, lui che da bambino ha avuto a che fare con le conseguenze del disastro di Chernobyl: "Ho vissuto un momento molto simile quando avevo nove anni ed è scoppiata la centrale di Chernobyl - le parole di Sheva a Sky Sport -. E' stato un momento difficile. L'unica soluzione è credere alle decisioni del Governo. Non dobbiamo fare cose stupide, soprattutto non cercare di uscire. Non sappiamo se abbiamo il virus o no, ci sono tante persone che possono essere contagiose e si portano il virus dietro, continuandolo a passarlo ad altre persone senza avere sintomi. Non dobbiamo pensare solo a noi, ma anche a tante altre persone che possiamo contagiare".

Sezione: News / Data: Sab 28 marzo 2020 alle 18:58
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari
Vedi letture
Print