"In questo momento il giocare a porte chiuse è la condicio sine qua non. Si è provato ad allentare un po', può darsi che ci si arrivi ma siamo ossessionati dal livello di contagiosità. Non ci sono certezze, ricomincerà il campionato non sapendo come andranno le cose". Enrico Castellacci, ex medico della Nazionale Campione del mondo 2006, lascia un velo di dubbio sulla fattibilità della ripartenza del nuovo campionato con l'emergenza Covid-19 ancora in corso: "Si dovranno valutare quali protocolli attuare - dice a TMW Radio -. Ho dato ragione a Gravina quando ha detto che vanno cambiati, siamo d'accordo. Penso che sia il momento giusto per parlarne e per farlo, non si può aspettare il 15 settembre. Dovranno essere considerate le differenze tra Serie A, B e C. A oggi ogni 4 giorni si devono fare i tamponi ma le società delle Serie minori avrebbero difficoltà. Non si può più aspettare, Gravina ha posto il problema, ora è il momento che le commissioni si riuniscano e differenzino i protocolli sulla base della contagiosità".

VIDEO - ALLA SCOPERTA DI... - VITALIY MIKOLENKO, UN TALENTO IN OTTICA INTER

Sezione: News / Data: Gio 13 agosto 2020 alle 23:15 / Fonte: TMW
Autore: Stefano Bertocchi / Twitter: @stebertz8
Vedi letture
Print