"Ovviamente l'Inter è in grande crescita, questo è sotto gli occhi di tutti, e ciò mi rende molto felice". Così Benoit Cauet, ex centrocampista dell'Inter, analizza il periodo positivo dell'Inter. "Il merito è di Ranieri, che sta lavorando in modo molto intelligente, e inoltre ha saputo riaccendere la fiamma che sembrava spenta con Gasperini. Mi piace la sua politica: un mattone alla volta. Quindi l'obiettivo è battere e scavalcare la Lazio. Le cose stanno andando benissimo in questo modo, quindi l'Inter deve continuare così. Milito? Io l'ho sempre difeso: ha patito un po' il nuovo ruolo di star a cui non era abituato, ed è anche stato tartassato dagli infortuni.

Appena è tornato a stare bene si è sbloccato, e quando un attaccante ritrova il gol cambia tutto. Milito è ancora molto importante per questa Inter, come bomber non si discute. Anche Zanetti è davvero impressionante: vita da atleta, comportamento esemplare, fisico eccezionale, grande carisma: l'emblema dell'Inter è lui, non c'è dubbio. Ranieri ha lavorato sulla fase difensiva e si vede, perché ora Samuel, Maicon, Nagatomo, si stanno esprimendo molto bene. Sneijder? Quando sta bene, è titolare. Poi è chiaro, dipenderà da partita in partita. La partita di oggi in Coppa Italia è importante, l'Inter ha dimostrato un attaccamento particolare a questa competizione". 

Sezione: News / Data: Gio 19 gennaio 2012 alle 19:15 / Fonte: Ilsussidiario.net
Autore: Riccardo Gatto
vedi letture
Print