Ex medico della Nazionale italiana, oggi al Guangzhou Evergrande, Enrico Castellacci ai microfoni di TMW Radio ha analizzato a lungo la situazione che sta vivendo il calcio italiano, in piena emergenza Coronavirus, dicendo la sua sul protocollo adottato fin qui dalla Serie A: "Abbiamo cominciato questa stagione sulla falsa riga di quella precedente, un po' catastrofico da quel punto di vista. All'inizio ci sono stati errori anche in questo campionato, come nelle altre leghe dove c'è stata parecchia confusione, ad esempio sul discorso fiduciario degli atleti se potessero tornare o meno a casa, ma rimane il fatto che le bolle vere sono un'altra cosa. In Cina, per esempio, il campionato è stato finito a tempo di record nel giro di 4 mesi, e le squadre erano completamente chiuse negli alberghi. Anche atleti molto importanti che hanno detto di sì, ad esempio Hamsik, Pellè... Chiusi senza poter vedere la famiglia, ma non hanno protestato comprendendo la situazione. Quelle sono le bolle vere. Nel momento in cui i giocatori possono tornare a casa è naturale che il virus un po' rischia sempre di girare. Vedo che però si sta riuscendo ad andare avanti: il campionato rientra in un momento eccezionale, e mi auguro che finisca nel migliore dei modi. Vaccini obbligatori? Non mi trova molto d'accordo, nel momento in cui i sanitari possono scegliere non vedo perchè debba essere imposto ai calciatori. Resto comunque favorevole alla vaccinazione, non farla sarebbe un'eresia per me".

VIDEO - L'INTER PARTE PER FIRENZE: QUALE FORMAZIONE PER DOMANI?

Sezione: News / Data: Mar 12 gennaio 2021 alle 23:04 / Fonte: tmw radio
Autore: Stefano Carnevale Schianca / Twitter: @SchiancaStefano
Vedi letture
Print