Intervistato dalla Gazzetta dello Sport, Paolo Casarin, ex arbitro e designatore, ha offerto il suo punto di vista autorevole sul dibattito che si è acceso in Italia attorno ai falli di mano punibili con il calcio di rigore: "Fallo e pena devono avere corrispondenza tra loro, siamo sempre in tempo: fermiamoci prima di deragliare - avverte -. Succede che, come sempre, le indicazioni di Fifa e Ifab sono uguali per tutti e poi vengono adottate con tempi, modi e perplessità variabili. Un esempio: tra il 92 e il 93 furono inasprite le sanzioni per il fallo da ultimo uomo anche per i portieri con l’espulsione. Scopo e sanzione erano chiare: il numero di gol a partita era crollato a 2,1. Ci volle tempo ma la regola fu gradualmente aggiustata e assimilata. Così con i falli di mano: perché non è tutto un rigore in Germania e Inghilterra? Intanto perché sono più cauti in area e poi perché se una regola è sbagliata la si interpreta e si lavora per modificarla. Il rischio è che i rigori finiamo per crearceli. Se basta un contatto di braccio non è così difficile che io provi a tirare sul braccio di qualcuno. E quindi bisogna tutelare anche la figura e la funzione dell’arbitro che deve recuperare prerogativa e capacità di valutazione".

Parlando delle decisioni di Giacomelli di decretare due rigori per la Juve nell'ultima partita con l'Atalanta, Casarin aggiunge: "Non ha avuto bisogno del Var, che è lì per gli errori e per quello che non puoi vedere. Lui ha visto e ha interpretato in maniera rigida ma corretta una regola. E poi rischiamo di fare un numero esagerato di gol e non è un pregio. Se diventa così facile ottenerli si annulla la fase difensiva e il ruolo dei difensori. I numeri parlano: qui siamo a 0,5-0,6 rigori a partita, in Germania uno ogni sei. Il vulnus è uno solo: non si può rinunciare ai criteri di volontarietà e involontarietà. Pensiamo al Lecce: 12 rigori subìti e 13 rigori tirati. Cosa farà mai questo Lecce? Se tutte le 20 squadre avessero numeri simili faremmo il campionato dei rigori…".

Sezione: News / Data: Lun 13 luglio 2020 alle 14:59
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari
Vedi letture
Print