Non ha rimpianti per ciò che poteva essere e che alla fine non è stato: per lui si prospettava un futuro all'Inter, che ne deteneva il cartellino, poi è arrivata la cessione al Genoa, nell'ambito del trasferimento di Motta e Milito in nerazzurro, e poi l'ulteriore trasferimento all'Atalanta. Lì dove Robert Acquafresca è pronto a iniziare la nuova stagione: "Sono un professionista e posso garantire il massimo impegno - dice Acquafresca -. Si diceva che a Cagliari sarei rimasto un anno e poi ne ho giocati due. L'Inter è un grande team, mi aveva in mano ma ha scelto di cedermi. Acqua passata, me ne farò una ragione. Ora son contento di essere all'Atalanta".



Il giovane centravanti torinese parla anche del suo inserimento negli schemi di Gregucci: "Ho sempre giocato in un 4-4-2, qui a Bergamo sono abituati a scendere in campo con una punta sola: mi adatterò alle esigenze del gruppo".

Sezione: News / Data: Gio 20 agosto 2009 alle 09:46
Autore: Christian Liotta
vedi letture
Print