È Luiz Felipe a presentarsi ai microfoni dei giornalisti presenti in zona mista. Il difensore laziale commenta così la vittoria contro l'Inter che vale il primo sorpasso stagionale nella corsa scudetto, obiettivo ormai impossibile da celare. Ecco le sue parole raccolte dal nostro inviato.

Quanto pesa questa vittoria?
“È una vittoria importante. Per quello per cui stiamo lottando, che è andare in Champions, sono tre punti importanti. Siamo a un punto dalla Juventus sono punti importantissimi”.

Mi racconti le tue emozioni in una serata del genere?
“È stata una grande vittoria, anche i tifosi hanno reso una bella serata per noi”.

Vale ancora di più contro l’Inter in rimonta?
“Io penso che abbiamo fatto un gran primo tempo. Loro hanno fatto due tiri in porta, abbiamo preso due ripartenze e abbiamo preso gol. Siamo andati negli spogliatoi, il mister ha parlato con noi e abbiamo fatto un secondo tempo diverso, con più cattiveria e abbiamo vinto”.

La parola scudetto è una parola che dite anche voi?
“Certo che ci pensiamo. Siamo lì perché non pensarci? Però dobbiamo fare partita per partita, mancano ancora tante partite, tredici partite se non sbaglio. Quando ne mancheranno cinque potremo vedere”

Quale può essere l’arma in più della Lazio?
“Io penso che è il nostro gruppo la nostra forza. Non c’era Lulic, ma c’era Jony. Come dice il mister la nostra forza è il gruppo”.

Un aspetto negativo?
“Noi non pensiamo agli aspetti negativi, pensiamo a quelli positivi ed è questa la nostra forza”.

Cosa hai pensato su quel retropassaggio un po’ corto?
“Lì volevo passare in avanti poi ho sentito i compagni. Meno male che mi hanno dato una mano. Devo lavorare di più ma va bene così oggi”.

Nel secondo tempo mi siete sembrati cattivi…
“È quello che dice sempre il mister, che era ancora lunga per fare un buon secondo tempo e abbiamo messo tutto lì e abbiamo vinto”.

Quanto può ancora crescere la Lazio e Felipe?
“Io penso che possiamo ancora crescere tanto, dobbiamo lavorare tutti. Io devo crescere ancora, ho ventidue anni, ho ancora tanto da imparare. Provo ad imparare dai più grandi, voglio crescere sempre”.

Qual è il segreto di questa Lazio?
“Il segreto è quello che comincia tutto da Caicedo o Immobile. È quella la nostra anima. Gli attaccanti o le mezzali. Penso che siamo la miglior difesa del campionato proprio perché gli attaccanti danno una grande mano”

Anche oggi la Nord ha fatto una grande coreografia…
“I tifosi sono sempre bellissimi. Ci danno emozioni da brividi. È una delle più forti al mondo e fanno impazzire chiunque”.

Sezione: L'avversario / Data: Dom 16 Febbraio 2020 alle 23:45 / Fonte: dall'inviato Stefano Bertocchi
Autore: Egle Patanè / Twitter: @eglevicious23
Vedi letture
Print