Vince ancora in casa dell'Inter il Bologna di Sinisa Mihajlovic che batte i nerazzurri per 1-2 con la complicità di Lautaro Martinez che si divora il gol del raddoppio dal dischetto. In inferiorità numerica gli ospiti trovano prima il pari, poi raddoppiano e ribaltano il risultato portando a casa tre punti importantissimi, rallentando corsa e ambizioni dell'Inter. Queste le parole del tecnico rossoblu ai microfoni di Dazn: "I primi venti minuti abbiamo fatto schifo, non abbiamo fatto due passaggi di fila. Eravamo tutti un po' impauriti, poi per fortuna siamo rimasti sull'1-0, abbiamo avuto un'occasione sprecata con Orsolini ma per quello che avevamo fatto sarebbe stato ingiusto diversamente. Poi negli spogliatoi ne abbiamo parlato e abbiamo dato certezze e coraggio ai ragazzi e magari quando non avevamo più niente da perdere siamo usciti fuori. Non è facile giocare in dieci e in inferiorità di risultato contro l'Inter. Vittoria di carattere e convinzione, sono molto contento per i ragazzi perché nonostante i primi minuti buttati via, alla fine ci siamo ripresi e vinto meritatamente"

Dov'era la falla nell'Inter che le ha fatto pensare che se aveste fatto un gol avreste vinto?
"Ah ho detto così? Una cazzata per dare coraggio e speranza, perché se guardavo i primi venticinque minuti era impossibile vincere. Ho detto c he stavamo aspettando di prendere gol per prendere coraggio. Succede spesso ed è successo anche oggi. Noi fisicamente stiamo bene, siamo andati e abbiamo avuto diverse occasioni e vittoria meritata".

Su Juwara: 
"Orsolini o Tomiyasu dovevano riposare almeno mezzora e non avendo cambi a disposizione sapevo che avrei avuto dei cambi obbligati. Come prima idea era mettere a destra Svanberg, poi vedendo la partita ho pensato di mettere Musa che con il casino che fa ci avrebbe aiutato. Poi è entrato e ha fatto gol e sono contento perché è un bravo ragazzo. Fare gol in questo stadio, anche se fa schifo senza pubblico, e vincere con questi ragazzi per 2-1 è un risultato importante per loro e per la società". 

Oggi è stato un tuo capolavoro tattico:
"Tutto culo (ride, ndr). Come dice Berlusca (Berlusconi ndr) se vinci sei un bravo ragazzo, se perdi sei un testa di c***o. Mi spiace per i primi venticinque minuti non mi aspettavo una gara così brutta ma poi si sono ripresi, siamo stati bravi dai".

Ha sentito bene l'arbitro su Soriano?
"Penso di si, si sente tutto in questo momento e bisogna capire gli arbitri che magari sono condizionati da questo punto di vista. Roberto ha sbagliato ma se c'era pubblico non avrebbe sentito, doveva essere più intelligente. Quando io lo facevo alla Samp mi buttavano fuori; se succedeva all'Inter, restavo in campo". 

Sezione: L'avversario / Data: Dom 05 luglio 2020 alle 19:44
Autore: Egle Patanè / Twitter: @eglevicious23
Vedi letture
Print