Al termine del tradizionale tour di interviste con le televisioni, Luciano Spalletti arriva nella sala stampa di San Siro per commentare anche in conferenza il 3-0 rifilato dalla sua Inter al FrosinoneFcInterNews.it, presente col proprio inviato, vi riporta le parole del tecnico di Certaldo: 

Un'Inter perfetta, ora arrivano tre gare difficili...
"Se ne gioca una parte volta o tutte e tre insieme (in tono ironico ndr)? Una per volta, allora non le metta tutte e tre assieme, e la prossima è col Tottenham. Oggi hanno fatto la prestazione che dovevano fare riprendendo in mano la qualità che hanno. Si sono fatti trovare pronti giocando una partita frizzante, usando la testa: l'hanno fatta girare in sicurezza, sapendo quando andare in verticale. Hanno vinto una partita importantissima perché veniva dopo la brutta prestazione di Bergamo: c'era da mettere le cose in pari, chiarendo ai 60mila tifosi che faccia abbiamo". 

Il lavoro per gli esterni oggi è stato diverso dopo il cambio di modulo?
"Cambia perché, siccome sono in due che si dividono una metà campo, c'è da capire chi sta interno e chi si allarga. Sulle traiettorie di passaggi si devono dividere il campo per aiutare il possessore di palla. Cambiano gli interpreti però gli uomini sono sempre gli stessi".

Che risposte arrivano da questa vittoria?
"C'era da rimettere subito in corsa la macchina, da farsi perdonare la prestazione precedente. I giocatori stessi, essendo dei professionisti dell'Inter non i miei ragazzi, hanno l'attenzione di migliaia di sentimenti. Bisogna essere sempre nelle condizioni di mettere l'Inter davanti a tutto quello che le gravita intorno: c'è l'amore per questa squadra, e serviva la reazione. Non era facile uscirne a testa alta da questa gara senza uscirne con il bel gioco".

VIDEO - KEITA-LAUTARO, VISIBILIO TRAMONTANA 

VIDEO - LE PAGELLE DI INTER-FROSINONE: KEITA, LAUTARO E MATTEO SHOW! 

 

Sezione: In Primo Piano / Data: Sab 24 Novembre 2018 alle 23:01 / articolo letto 15401 volte / Fonte: dall'inviato a San Siro
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari