Con il Suning Commerce Group sull'uscio e un assetto societario in probabile mutamento, ora in casa Inter spunta anche una 'spy story'. A riferirlo è l'edizione online de La Repubblica, che spiega come in un colloquio di Michael Bolingbroke con i dipendenti del club di una decina di giorni fa, in cui dava rassicurazioni sul futuro, garantendo che Thohir non ha intenzione di smembrare l'Inter né di cederla al primo che passa, è emersa una storia piuttosto bizzarra. E' accaduto infatti che il CEO interista, a margine del suo discorso ai dipendenti, abbia raccomandato a tutti la massima discrezione in futuro, chiedendo caldamente che nessuno riveli all'esterno strategie o notizie che fanno parte dei segreti aziendali.
Ma fin qui nulla di strano, se non fosse che questo comportamento deve essere tenuto perchè l'Inter è sotto spionaggio. E a quel punto, per suffragare la sua tesi, Bolingbroke ha mostrato una cimice di quelle che si usano per le intercettazioni ambientali trovata sotto una scrivania degli uffici del club. Il 'colpo di scena' ha destato una certa impressione nei dipendenti, ma non è dato sapere chi e per cosa quella cimice sia stata piazzata. 

Sezione: In Primo Piano / Data: Ven 22 aprile 2016 alle 09:59
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari
Vedi letture
Print