Intervistato in esclusiva da Olé, Fabio Radaelli, scopritore di Lautaro Martinez, non ha sciolto i dubbi legati al futuro del Toro, corteggiato ormai da mesi dal Barcellona: "Non gli ho chiesto se lo ha chiamato Messi - ammette candidamente -. Ma mi ha detto che è calmo, in attesa di quel che accadrà. Sa intimamente cosa succederà. Se il Barcellona lo prendesse, avrebbe a disposizione il miglior attaccante della prossima decade. Non ho dubbi, sarà il migliore attaccante del mondo".

In blaugrana, stando a Radaelli, il 10 interista non avrebbe problemi di natura tattica: "L’Inter a volte gioca in contropiede, il Barcellona tiene molto la palla. Inoltre, Messi da quello che dicono pare stia pressando per averlo a Barcellona. Non esiste un giocatore migliore di Messi per metterti davanti al portiere. Lautaro può giocare lontano dall’area, può fare assist, creare spazi e nell’area ha movimenti letali, non sono intercettabili. Ha sempre la palla tra i piedi e li sa usare entrambi. Sarà molto concentrato con Messi vicino. Perché lui da un momento all’altro ti manda in porta, ti costringe ad essere sempre vigile. E Lautaro non avrà alcun tipo di problema su questo perché mentalmente è pronto a superare qualsiasi ostacolo. E’ preparato per le grandi sfide". 

Guardando ancora più in là, Lautaro potrebbe addirittura calcare le orme un'icona del calcio argentino com Gabriel Omar Batistuta: "Se può batterlo? È umile, ha carisma e tecnica. È molto forte, penso possa ripetere la sua storia nella Nazionale argentina. Tecnicamente è anche meglio. Batistuta col sinistro era pazzesco. Potrebbero essere lui e Lautaro i migliori attaccanti degli ultimi trent’anni della storia dell’Argentina". 

VIDEO - UN ANNO FA LA VITTORIA DA CHAMPIONS CONTRO L'EMPOLI: L'ALTALENA DI EMOZIONI NEL RACCONTO DI FILIPPO TRAMONTANA

Sezione: In Primo Piano / Data: Mar 26 maggio 2020 alle 13:34
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari
Vedi letture
Print