Romelu Lukaku e Lautaro Martinez non fanno sconti a nessuno, nemmeno nel giorno del Black Friday. La Gazzetta dello Sport oggi in edicola analizza la coppia gol nerazzurra, ormai nota anche come LuLa, capace di segnare fin qui ben ventidue gol. “In Europa solo tre coppie di squadre di Champions League hanno viaggiato più forte, quelle di Bayern, Manchester City e Lipsia. Per dire: Mané-Salah (Liverpool), Icardi-Mbappé (Psg) e Messi-Suarez (Barcellona) possono giusto guardare la targa dei due nerazzurri. Conte ha costruito un gioiello affidabilissimo”.

E ancora: “L’andatura è da libro dei record: i due viaggiano a una media di 1,22 reti a partita, nessuno ha mantenuto quell’andatura negli ultimi 30 anni di Inter, dai giorni del Trap in poi. Non ci è riuscito nessuno: Diaz e Serena segnarono a fine stagione 43 reti in 43 partite, media di una ogni 90’ proprio come Icardi e Perisic nel 2017-18. Qui siamo oltre”. La rosea sottolinea, per chi ci crede, che potrebbe anche essere merito dei segni zodiacali. Lukaku è ariete, Lautaro cancro, due segni di fuoco che trovano da subito grande complicità.

Il caso ci ha messo anche un po’ lo zampino, visto anche l’infortunio di Alexis Sanchez che ha complicato i piani a Conte, che è comunque riuscito a costruire sui due un feeling per nulla scontato. “Il tecnico ha modellato l’Inter su questi due. E nelle ultime partite è riuscito a sfruttare meglio le caratteristiche tecniche di Lukaku, molto più a suo agio quando ha campo davanti rispetto a quando è costretto a muoversi da centravanti classico, con le difese schierate, quando le sportellate diventano una necessità e non una scelta come sull’assist dello 0-1”, si legge sulla rosea.

A Manchester osservano Romelu con un po’ di rimpianto, a Barcellona segnano appunti su Lautaro. “L’Inter ha già respinto un assalto del Barça per il Toro, non volendo neppure aprire un tavolo di discussione. Lo stesso Lautaro ha mandato segnali concilianti al club nerazzurro, ribadendo la volontà di proseguire la sua crescita in Serie A. Ma certo, quado c’è di mezzo Messi non si può star tranquilli: chiuso il mercato di gennaio la questione rinnovo diventerà d’attualità, con la forte volontà di eliminare la clausola da 111 milioni di euro”, ha concluso il quotidiano.

VIDEO - SLAVIA-INTER, TRAMONTANA ESULTA CON UNA BANDIERA NERAZZURRA IN STUDIO

Sezione: In Primo Piano / Data: Ven 29 Novembre 2019 alle 08:15
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
Vedi letture
Print