L'Inter ha individuato in Luis Muriel il giusto tassello per completare la batteria di attaccanti della prossima stagione, senza incidere negativamente sull'affiatata LuLa. A spingere per il colombiano c'è in primis Antonio Conte: come riferisce oggi La Gazzetta della Sport, "il tecnico interista da sempre stravede per quello strano frullato di potenza, rapidità ed estro, forse ancora non espresso al massimo della potenza. In ogni caso, l’idea Muriel per l’Inter è una tessera in un puzzle da incastrare". Anche il Barcellona avrebbe chiesto informazioni. 

L'ex Udinese sarebbe perfetto per garantire un'importante dose di gol anche dalla panchina: l’anno scorso per lui si contano 18 reti in A, di cui 11 (più del 60%) proprio da subentrato, mentre nella stagione in corso è invece già arrivato a 16, con solo Cristiano Ronaldo (23) e Romelu Lukaku (19) davanti a lui. I numeri non sono in discussione, ma è ovvio che per strapparlo all'Atalanta servirebbe un investimento importante. "Al momento ha un contratto fino al 2023 da 1,8 milioni ma, anche secondo valori di mercato ridimensionati dalla pandemia, serve un assegno robusto: 25-30 milioni almeno" ipotizza la rosea, con gli ottimi rapporti tra le famiglie Zhang-Percassi che potrebbero facilitare la trattativa. 

Una cifra che potrebbe essere raggiunta con il tesoretto che Beppe Marotta conta di mettere in tasca con le cessioni degli esuberi: da Joao Mario (con lo Sporting che vuole riscattarlo anche se con un piccolo sconto sui 10 milioni chiesti) a Radja Nainngolan fino a Matias Vecino.

Sezione: In Primo Piano / Data: Sab 27 marzo 2021 alle 08:15
Autore: Stefano Bertocchi / Twitter: @stebertz8
Vedi letture
Print