No alla Roma, no al Monaco e adesso c'è il Napoli che attende la sua risposta. E chissà che Mauro Icardi non dirà no pure ai partenopei. "Aurelio De Laurentiis ha posto un limite netto: o Maurito accetta la sua proposta entro giovedì oppure lui è pronto a cambiare obiettivo - assicura la Gazzetta dello Sport -. Anzi, i bene informati giurano che il club campano si sia già cautelato, bloccando lo svincolato Fernando Llorente. E la strategia parallela della società napoletana è più che giustificata, visto il perdurante immobilismo dell’entourage dell’argentino. Dopo i contatti dei giorni scorsi non ci sono state risposte di alcun genere. Quindi nessuno stop esplicito, ma un lacerante silenzio che, con il passare delle ore, diventa imbarazzante. Un macigno per una tifoseria che sogna di abbracciare un nuovo idolo. Soprattutto è la conferma dell’ormai noto teorema che vuole Icardi ancora tra le braccia della Juve, lontano da chicchessia".

Un bel rischio quello che sta correndo l'ex capitano dell'Inter, perché a questo punto davvero potrebbe concretizzarsi lo scenario da incubo di rimanere a Milano emarginato da tutto e da tutti. Il Monaco aveva offerto 60 milioni per il cartellino e 8 netti a lui di ingaggio: niet. Ora c'è il Napoli, pronto a versare 65 milioni nelle casse nerazzurre e riconoscere all'attaccante 7,5 milioni netti a stagione. E lo scambio con Dybala resta una chimera. "Intorno a lui ci sono tanti interessi. Il ruolo di Wanda Nara sinora è stato centrale: anche la scelta di prolungare la sua esperienza da opinionista a 'Tiki Taka' dimostra che intende essere protagonista sino alla fine - si legge -. Anche ieri sera, ad esempio, ad una certa ora sono arrivati messaggi controversi sulla risposta al Monaco, ma anche questo fa parte del gioco. Il fenomeno-Icardi ha fatto molto conto sull’eco dei social. Ma ora rischia l’implosione".

VIDEO - ALEXIS SANCHEZ IDOLO DEL CILE, QUANTE MAGIE CON LA "ROJA"

Sezione: Focus / Data: Mar 20 Agosto 2019 alle 08:27 / Fonte: Gazzetta dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print