focus

GdS – Argentini, quale futuro? Certezze e dubbi

L'Inter degli argentini è destinata a terminare? No, però potrebbe esserci una diminuzione del numero nella rosa del prossimo anno. La situazione è spiegata dalla Gazzetta dello Sport. "Già oggi si può...

Alessandro Cavasinni

L'Inter degli argentini è destinata a terminare? No, però potrebbe esserci una diminuzione del numero nella rosa del prossimo anno. La situazione è spiegata dalla Gazzetta dello Sport. "Già oggi si può dire con certezza che l’anno prossimo il numero scenderà: di quanto, potrà dipendere anche da quest’ultimo scorcio di stagione. Alcune decisioni sono già prese: Carrizo resterà, Zanetti lascerà il calcio giocato e Milito finirà per accettare la corte del Racing; Botta potrebbe essere destinato a un prestito («Deciderà l’Inter», ha detto ieri il suo agente Sergio Levinton a FcInterNews) e Alvarez chissà: l’Inter è disposta a sacrificarlo per aumentare il suo tesoretto destinato al mercato, ma solo di fronte a un’offerta interessante. Conferma molto probabile per Icardi, a meno che all’Inter non arrivi un’offertona vicina ai 30 milioni, e anche per Campagnaro, che ha quasi 34 anni e un contratto da 1,6 milioni in scadenza nel 2015. Finisce a giugno, invece, quello di Samuel, molto vicino all’addio al meno di una soluzione a sorpresa come un anno fa (ad aprile era quasi un ex, poi firmò per un anno). Fifty fifty, invece, il rinnovo del contratto in scadenza di Cambiasso: dipenderà dal parere dell’allenatore, dal numero di competizioni che l’Inter dovrà giocare l’anno prossimo e dalla sua disponibilità a ritoccare al ribasso l’ingaggio attuale". Nessun dubbio, ovviamente, su Rodrigo Palacio.

A Parma, intanto, dovrebbero essere cinque i titolari albiceleste. "Con il ritorno di Campagnaro, si dovrebbe toccare per la sesta volta quota cinque argentini: non succede da Roma-Inter del 1° marzo e più di cinque non è mai successo. In questi dodici anni è capitato anche che fossero addirittura sette sugli otto della rosa di quell’anno per due volte (Treviso-Inter e Ascoli-Inter: stagione 2005-2006), ma cinque resta comunque un numero considerevole.