Samuel Eto'o parla a Marca in una lunga intervista e ovviamente nelle sue parole c'è spazio per le sue più grandi avventure calcistiche: Inter e Barcellona. "E' lo stesso amore: papà e mamma. Non posso scegliere - dice - Sono arrivato a Barcellona grazie a Laporta. E poi nell'Inter ho conosciuto una specie di "Dio" che è Massimo Moratti. Un signore incredibile, affettuoso. Mi è andata bene in entrambi i casi".

L'ex attaccante era a Milano per Inter-Real. Da notare come nelle risposte parli da tifoso vero, usando la prima persona plurale. "Abbiamo perso all'ultimo minuto con gol di Rodrygo ma l'Inter non meritava di perdere, il pareggio era più giusto. Ora andremo a Madrid e dimostrerermo di poter dare battaglia. Mourinho? Un fenomeno, l'unico che può diventare campione d'Italia con la Roma dopo tanti anni".


C'è spazio anche per una battuta sulle grandi partite vissute in carriera: Eto'o sceglie il clasico tra Barcellona e Real. "Senza dubbio, supera tutti, anche un Inter-Juventus. Ugualmente a Madrid o Barcellona. Senti qualcosa di speciale. E' la partita più calda del mondo, anche se non ho giocato Boca-River. Sono partite alla morte".

Infine un commento su Onana, accostato di recente all'Inter come possibile acquisto a parametro zero. Eto'o lo mette tra i giocatori africani più forti. "Alcuni sono più esperti come Mané o Salah, altri meno conosciuto come Anguissa, anche Onana mi piace. Non gioca da mesi per una squalifica ma è tra i migliori al mondo per me".
Sezione: Focus / Data: Ven 29 ottobre 2021 alle 11:07
Autore: Redazione FcInterNews
vedi letture
Print