Da promessa a incedibile. Ne ha fatta di strada quel ragazzino che iniziò a tirare calci a un pallone all’oratorio di Piadena. Oggi pure i 31 milioni di euro spesi due anni fa da Suning appaiono un investimento azzeccatissimo, visto che Alessandro Bastoni è diventato uno dei migliori difensori della Serie A a soli 21 anni. Maturità da veterano per chi si è preso una maglia da titolare in una delle squadre più importanti al mondo, costringendo spesso alla panchina un mostro sacro come Diego Godin. Bastoni è già il presente ma rappresenta soprattutto il futuro dell’Inter, che è pronta a blindarlo. 

In inverno l’ha visionato dal vivo in due occasioni il Manchester City; mentre recentemente ha provato a bussare l’Arsenal (che già si era fatto avanti per Nicolò Barella): in entrambi i casi nessuna apertura sia dal club sia dall’entourage del calciatore. I nerazzurri, infatti, ritengono incedibile il centrale mancino, che è felice a Milano e verrà blindato. Pronto il rinnovo quinquennale con importante adeguamento di stipendio a 1,5 milioni a stagione più bonus. Nel contratto prevista una serie di premi con una scaletta a salire negli anni. I dialoghi sono stati impostati a gennaio dal suo agente Tullio Tinti e verranno ratificati nelle prossime settimane. 

Merito anche di Antonio Conte che ha l’ha voluto in prima squadra nonostante il pressing di mezza Serie A (Parma, Bologna, Torino, Spal, Udinese, Brescia, Sassuolo e Sampdoria lo volevano in prestito l’estate scorsa). “Resta” gli disse il tecnico salentino dopo la tournée cinese. Nessuna emozione personalità da vendere per chi quattro anni fa ha superato anche il dolore della perdita della migliore amica Agnese, deceduta tragicamente in un incidente. A lei ha dedicato il tatuaggio che ha sulla spalla e sempre a lei ha dedicato il primo gol interista a Lecce con quelle braccia rivolte al cielo. 

Tra pochi giorni si tornerà in campo e Bastoni vuole confermarsi protagonista dopo l’ottima primi due terzi stagionali. In quarantena si è scatenato in sfide infinite alla PlayStation contro Seba Esposito (anche lui da blindare): loro che vogliono diventare i simboli futuri dell’Inter, ma stanno già diventando dei beniamini della tifoseria nerazzurra. Amici in campo e fuori. Il rinnovo è in arrivo, ma Bastoni non vuole smettere di sognare e ha già in testa il prossimo obiettivo: conquistare la Nazionale. L’Europeo non è poi così lontano. Mancini è avvisato...

VIDEO - L'ULTIMO ACUTO DI ETO'O: DOPPIETTA E COPPA ITALIA IN BACHECA

Sezione: Esclusive / Data: Ven 29 maggio 2020 alle 11:24
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit
Vedi letture
Print