Tre presenze a inizio stagione, poi l’infortunio (infiammazione al ginocchio) che lo sta tenendo fermo dalla fine di agosto. Il peggio, però, è passato e Axel Bakayoko, esterno d’attacco classe 1998, vincolato all’Inter da un contratto fino al giugno del 2021, è pronto a scendere nuovamente in campo con la maglia del San Gallo, club che milita nella Super League svizzera.

Axel, come stai?
"Sto meglio: il peggio è passato. Ho già ripreso a lavorare con la squadre e tra una ventina di giorni sarò a disposizione del mister".

Lo scorso anno 34 presenze, 4 gol, 3 assist e 2095 minuti in campo.
"L’obiettivo è dare continuità al cammino fatto la scorsa stagione: prima dell’infortunio, avevo sempre giocato. Senza questo problema, sarei già arrivato a dieci presenze".

Ti aspettavi la conferma dal club svizzero?
"Sì, l’attendevo: il direttore sportivo e il mister, già sul finire della passata stagione, mi avevano prospettato questa soluzione e io sono stato ben felice di restare".

Avevi anche altre offerte, sia dall’Italia che dall’estero.
"Sì, ma la mia volontà è sempre stata quella di rimanere qui in Svizzera, per dare continuità alla mia crescita tecnico-tattica e perché c’è un buon progetto. Non era mia intenzione cambiare squadra per non dover ricominciare nuovamente tutto daccapo".

Con chi mantieni in contatti della 'tua' Primavera nerazzurra?
"Un po’ con tutti, ma in particolare con Andreaw Gravillon, Cristian Kouamè e con l’ultimo arrivato nella Primavera dell’Inter, Lucien Agoume: lui si allena tutta la settimana con la prima squadra e poi va a giocare in Primavera".

Cosa potrà succedere a fine stagione?
"A giugno sapremo: l’Inter ha il controllo del mio cartellino. Sono cresciuto nella società nerazzurra: tornare a Milano è un sogno e un obiettivo".

VIDEO - SOMBRERO E TIRO AL VOLO, LAUTARO CERCA IL SUPERGOL CONTRO L'ECUADOR

Sezione: Esclusive / Data: Mar 15 Ottobre 2019 alle 12:46
Autore: Giuseppe Granieri
Vedi letture
Print