La consistente riduzione della capienza del nuovo stadio che hanno in mente Inter e Milan è uno degli aspetti che ha generato più critiche intorno al masterplan presentato al Comune di Milano nei giorni scorsi. I tifosi delle due milanesi avrebbero una nuova casa da 63.000 posti, lasciandosi alle spalle i 78.275 posti di San Siro: una decisione che Tuttosport definisce "difficile da conciliare con l’attaccamento delle due tifoserie". Il Milan ha chiuso l’ultima annata con una media di 54.000 spettatori a partita; l’Inter addirittura a 62.000, e i tifosi hanno già polverizzato i 40.000 abbonamenti disponibili per la prossima stagione.

"La scelta di ridurre i posti intorno a quota 60mila è dovuta al rapporto costi/benefici. Per superare la soglia di 65.000 spettatori, dal punto di vista strutturale, diventa necessario costruire un terzo anello che risulta la parte più cara perché deve essere realizzato a un’altezza di alcune decine di metri (anche in caso di impianto interrato). Ma il rendimento di quei posti aggiuntivi è inversamente proporzionale ai costi perché sono i settori dove i biglietti sono meno cari. Ecco perché quasi tutti gli impianti di nuova generazione si attestano a 60-62mila posti. L’altro grande tema è quello della decisione di costruire uno stadio in condivisione, in netta controtendenza rispetto agli altri top club europei che hanno un impianto autonomo. Il grande svantaggio sarà quello di dover dimezzare i ricavi da cessione del naming right dello stadio. Oltre alla necessità di coordinare ogni intervento con un altro padrone di casa. E sarà più complicato costruire campagne di brand individualizzate per uno stadio in condivisione. Ma in questo modo le due squadre, oltre a dimezzare i costi, avranno più partite per generare ricavi dalla gestione dello stadio. E il fatto di avere le due squadre cittadine nello stesso stadio dà più valore economico al derby", scrive il quotidiano torinese.

VIDEO - GABIGOL NON SI FERMA PIU' E BATTE ANCHE IL VAR

Sezione: Rassegna / Data: Mar 23 Luglio 2019 alle 10:15
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari
Vedi letture
Print