Anche nelle pagelle del Corriere dello Sport, i giocatori nerazzurri trovano soddisfazione nei voti. Dietro la lavagna finisce solo Perisic.


Handanovic 6,5 Una sola parata nel primo tempo, però decisiva. Il colpo di testa di Kurtic è da due passi, la sua risposta è tutta nell’istinto. Senza responsabilità sul gol di Hernani. Con questa presenza, la numero 317, entra nella top 10 dei giocatori più utilizzati dall’Inter in Serie A, accanto ad Altobelli. 
 
Skriniar 6 Meno sicuro di altre volte. Sbaglia il tempo e la lettura del cross di Hernani per Kurtic: è fuori posizione e si fa scavalcare dalla traiettoria della palla. Utile quando l’Inter si mette dietro nel finale. 
 
De Vrij 6,5 Non perde mai la posizione e quando il Parma preme più forte, dopo il 2-1, non perde nemmeno un contrasto. 
 
A. Bastoni 6 Controlla il proprio settore con la solita autorevolezza. 
 
Hakimi 6,5 Una, due, tre partenze e tutte le volte brucia l’erba del Tardini già nel primo tempo. Crea pericoli nell’area del Parma anche nel secondo, ma in occasione del gol di Hernani si fa fregare da Pezzella che lo manda fuori tempo e crossa. 
 
Barella 6 Per un tempo sprinta meno del solito, si occupa più del rifornimento (col lancio) per Lukaku che dell’inserimento a fari spenti. Anche nella ripresa lavora più sulla gestione che sul ritmo. 
 
Brozovic 6,5 La marcatura a uomo di Kucka lo mette un po’ in ombra nei primi 45’, ma al momento buono strappa proprio allo slovacco la palla che poi diventa l’1-0 per l’Inter. 
 
Eriksen 6 Le sue giocate sono elementari, non accende mai la fantasia e in un caso, su cross di Hakimi, sbaglia il tempo dell’impatto col pallone davanti alla porta: il danese anticipa il pallone. Questo nel primo tempo, nel secondo è un’altra storia. Il contropiede del 2-0 parte con un suo lancio per il tir di Lukaku. 
 
Vidal (21’ st) 6 Stavolta non fa confusione, si limita a rinforzare il centrocampo. 
 
Perisic 5,5 Gli càpitano due occasioni, la prima è respinta da Valenti, la seconda è un eccesso di egoismo: tira (male) mentre Lukaku gli chiede palla davanti alla porta. Sul gol del Parma si fa colpire alle spalle da Hernani. 

Darmian (39’ st) sv Fa in tempo solo a farsi ammonire. 

Lukaku 6,5 Le occasioni non gli mancano già nei primi 45’, ma deve aspettare la ripresa per scatenare la locomotiva che è dentro di sé. Quando Eriksen lo lancia in contropiede, sembra che il campo sotto i suoi piedi si inclini in discesa. Galoppata e assist. Non è fortunato nelle conclusioni. 
 
Sanchez 7,5 Doppietta che vale oro, anche se dopo 40’ quasi senza farsi vedere. Comincia a giocare nel finale del primo tempo e già in quei pochi minuti mette in apprensione la difesa emiliana. Quando a inizio ripresa l’Inter aumenta la pressione, arriva la prima palla giusta: l’aggancia bruciando Valenti e la piazza in rete. La seconda, gentilmente offerta da Lukaku, è ancora più facile da mettere alle spalle di Sepe. 
 
Lautaro M. (31’ st) sv Va vicino al gol in una sola occasione. 
 
Conte (all.) 6,5 Probabilmente non è la migliore versione stagionale dell’Inter, ma sulla vittoria non ci sono ombre, è meritatissima. E soprattutto fondamentale per andare in fuga. 

VIDEO - PARMA-INTER, IL COMMENTO DI TRAMONTANA: "MEGLIO SOFFRIRE MENO, MA ANCHE QUESTO E' UN PASSO AVANTI"

Sezione: Rassegna / Data: Ven 05 marzo 2021 alle 09:00 / Fonte: Corriere dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print