Marash Kumbulla, nome che radiomercato accosta fortemente all'Inter, ha parlato oggi nel corso di un'intervista rilasciata al Corriere della Sera. I nerazzurri, secondo il giornale, dovranno superare la concorrenza anche di Juve, Lazio e Napoli per accaparrarsi il centrale albanese. "Sono molto serio, è vero, ma solo quando serve. So anche divertirmi. Mio papà e il mister penso intendano semplicemente dire che sono maturo per l’età che ho", dice.

De Biasi, da c.t. dell’Albania, disse che i giovani albanesi avevano più fame degli italiani. Che ne pensa?
"Diciamo che i giovani albanesi vengono da una cultura differente, che magari permette loro di avere più stimoli e ambizioni".

Che effetto fa giocare in A con la maglia che indossava da bambino?
"Penso sia il sogno di tutti: già è difficile arrivare in alto, farlo con la squadra con cui tutto è iniziato è indescrivibile".

La prima volta che ha detto "ce l’ho fatta"?
"Quando ho segnato il mio primo gol in Serie A, di testa, contro la Sampdoria: un momento indelebile".

È vero che aveva il poster di Chiellini in camera da ragazzino?
"Sì: ho sempre ammirato la sua grinta e la sua voglia di migliorarsi. È un autentico guerriero in campo".

Dopo Juve, Inter e Lazio, la miglior difesa è quella dell’Hellas, che ad agosto davano tutti per spacciato: essere considerati deboli è stato uno stimolo in più?
"Ci ha spronati a lavorare di più rispetto agli altri, ma sapevamo di non essere deboli e tantomeno spacciati…".

L’attaccante che l’ha messa più in difficoltà?
"Dybala, per le caratteristiche tecniche e fisiche: un funambolo".

Ha giocato la gran parte delle partite al centro della difesa a tre. Poi si è spostato come centrale di sinistra: le piace di più?
"Mi piace molto, perché ho anche una certa libertà di propormi in avanti".

A vent’anni qual è il suo sogno come calciatore?
"Giocare in Champions".

Sezione: Rassegna / Data: Dom 05 aprile 2020 alle 09:36 / Fonte: Corriere della Sera
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print